HAWAII: SCOPRIAMO LA STORIA DEL KONA COFFEE, UNO DEI PIU’ PREGIATI CAFFE’ DEL MONDO

HAWAII: SCOPRIAMO LA STORIA DEL KONA COFFEE, UNO DEI PIU’ PREGIATI CAFFE’ DEL MONDO

A Captain Cook, sull’isola di Hawai’i, visitiamo la
Kona Coffee Living History Farm.

Scopri la coltivazione “vecchio stile” del caffè in questo museo dedicato a uno dei semi più ambiti del mondo.

Il tetto di una fabbrica per la produzione del caffè emerge dalla vegetazione tropicale a “Big Island”, l’isola più grande delle Hawai’i, offrendo ai visitatori un tocco della storia agricola di questa lussureggiante terra. La fabbrica è stata costruita per trattare i preziosi chicchi di caffè Kona che crescono qui, nella “Kona Coffee Belt” incastonata tra i vulcani Hualalai e Mauna Loa.

La Kona Coffee Living History Farm offre ai visitatori una panoramica di questa storia, ricreando la vita come sarebbe stata vissuta dalla famiglia Uchida, che un tempo coltivava questa terra. Celebra generazioni di piccoli proprietari, molti dei quali immigrati giapponesi, che hanno contribuito a trasformare il ricco suolo vulcanico in una delle regioni di produzione di caffè più apprezzate al mondo.

Nel 1890, il mercato globale del caffè affrontò una drammatica crisi economica. Le isole Hawai’i, che producevano caffè sin dalla metà del XIX secolo, attraversarono il momento di difficoltà e le grandi piantagioni cominciarono a fallire. La terra fu divisa e i piccoli agricoltori rilevarono l’industria. Tra loro c’era la famiglia Uchida, che affittò questa terra nel 1913 e alla fine la donò alla Kona Historical Society.

The Living History Farm offre ai visitatori uno sguardo diretto sui metodi agricoli impiegati per produrre i preziosi semi di caffè per cui la regione di Kona è famosa. Oltre alla storica sede degli Uchidas, la fattoria comprende un kuriba, un processore per la lavorazione del caffè, una hoshidana, una piattaforma per l’asciugatura del caffè con un tetto mobile e alberi da caffè che continuano a produrre frutti.

Guide in costume accompagnano i visitatori alla scoperta di consuetudini della vita quotidiana degli Uchidas proiettate negli anni tra il 1925 e il 1945. I visitatori possono irrigare orti, raccogliere l’ananas maturo e il croccante bok choy, il cavolo cinese. Possono anche dire ciao a Shizu, l’asino, un discendente dei “Kona Nightingales”, asini così soprannominati per il loro costante rantolo mentre trasportavano chicchi di caffè nelle fattorie di Kona.

Infine, i visitatori possono farsi coinvolgere attivamente nella vita quotidiana con attività pratiche, tra cui la torrefazione del caffè, il decapaggio giapponese, la produzione di tofu e altro ancora. Queste attività non offrono solo ai visitatori una finestra sulla storia dell’industria di Kona, ma anche, forse ancora più importante, sono un omaggio alle comunità di immigrati senza le quali l’industria non esisterebbe nemmeno.

Fonte: Atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com