IL DESERTO BIANCO DELL’EGITTO: IL PAESAGGIO ALIENO OLTRE LE PIRAMIDI

IL DESERTO BIANCO DELL’EGITTO: IL PAESAGGIO ALIENO OLTRE LE PIRAMIDI

L’Egitto è noto soprattutto per le Grandi Piramidi di Giza o per i resort di lusso sul Mediterraneo e sul Mar Rosso. Spesso trascurato è uno dei paesaggi più spettacolari del Paese, il White Desert National Park.

Il protettorato nella depressione di Farafra nell’Egitto occidentale racchiude tesori insospettabili. Le persone che visitano queste strane terre hanno spesso avuto la sensazione di visitare un altro pianeta, nonostante si trovassero a sole cinque ore di auto da Il Cairo. I viaggi nel deserto occidentale dell’Egitto hanno guadagnato popolarità tra gente del posto e tra i turisti. Le attività spaziano dal dune-bashing e sand boarding alla mountain bike e kayak da praticare nella vicina oasi Bahariya.

“Il Deserto Bianco è così diverso da qualsiasi altro posto sul pianeta”, ha detto a CNN Travel Ziad Omran, “Una volta che i turisti sperimentano viaggi avventurosi lì, finiscono per tornarci di nuovo con i loro amici”.

Il viaggio verso il Deserto Bianco di solito inizia con una sosta in un altro paesaggio assolutamente contrastante: il Deserto Nero.

Questo deserto presenta una miriade di catene montuose uniche. Ognuna ha uno strato di pietre nere eruttate dai vulcani milioni di anni fa, che danno al paesaggio sabbioso il suo nome. Dopo aver camminato su una delle vette, diventa chiaro che questa zona è priva di qualsiasi segno di vita a parte una singola strada che si estende in lontananza. Tuttavia, questa non è la strada che conduce al Deserto Bianco. Per raggiungere il parco nazionale è necessario sgonfiare le gomme di un Land Cruiser 4×4 e affrontare le dune del deserto con angoli vertiginosi. Zigzagare e correre lungo le dune ondulate è un’esperienza da brividi che alla fine lascia il posto alla vista mozzafiato sul Deserto Bianco. Appena arrivati, sorgono immediatamente interrogativi sulle sue misteriose origini, poiché la sua particolare bellezza fornisce un’evidenza che il nostro pianeta è soggetto a potenti cambiamenti climatici.

È assolutamente incredibile credere che questo fosse un tempo un mare o un oceano e che l’unica prova rimasta sia una raccolta di rocce calcaree calcificate scolpite nel tempo da sabbia e vento. Queste forme astratte gessose sembrano cambiare il loro colore a seconda dell’ora del giorno, passando dal bianco brillante al cremoso, per poi raggiungere un marrone dorato.

Quando cala l’oscurità

Incastonata tra imponenti formazioni rocciose nella valle di Agabat c’è una morbida collina sabbiosa perfetta per praticare il sand boarding. Più difficile da gestire e più lento rispetto alla discesa su una montagna innevata, il sand boarding offre sempre un brivido di emozione, ma non ci sono impianti di risalita nel deserto e arrampicarsi su una ripida collina sabbiosa è estenuante.

Mentre il sole tramonta, il deserto ricorda a tutti che questa è una terra di estremi e ogni ora dopo il tramonto richiede di aggiungere qualche strato aggiuntivo di calore. Dopo aver allestito il campo, i beduini locali preparano per i visitatori un’autentica cena tradizionale a fuoco vivo. L’aroma esotico della festa attira spesso l’attenzione di uno dei rari residenti del Deserto Bianco: la volpe fennec, nota anche come volpe di sabbia. Questi animali adorabili e innocui sono difficili da individuare e appaiono come ombre in lontananza. Spesso si avvicinano ai campeggi perché sono abituati a contare sugli avanzi dei visitatori come parte della loro dieta.

A causa della profondità del paesaggio e dell’assenza di inquinamento luminoso in ogni direzione, le stelle brillano ovunque nel cielo notturno. Questo meraviglioso sito è senza dubbio uno dei migliori ambienti del pianeta per osservare la Via Lattea in tutto il suo splendore.

Quando appare la Luna, la sua luce brillante si riflette sulle superfici rocciose regalando un bagliore bluastro che illumina il parco nazionale e invita a vagare di notte attraverso il suo terreno ultraterreno. Gli esploratori notturni devono essere cauti e portare una torcia in quanto è facile perdersi o inciampare nella sconnessa topografia aliena.

Al mattino, il sole che sorge sveglia anche chi ha il sonno più pesante. Prima di smontare il campo, vale la pena di fare un’escursione ad una delle sculture preziose del parco ben conosciute, grazie la sua forma, come il Pollo e il Fungo.

Dopo aver lasciato il parco, la maggior parte degli avventurieri si trova di nuovo a poco più di un’ora di distanza dall’Oasi di Bahariya.

Un’attrazione popolare nella zona è la scalata in cima alla Montagna Inglese, così chiamata per le rovine di un avamposto britannico della Prima Guerra Mondiale che incorona la sua vetta più alta. Raggiungere la cima offre una vista spettacolare a 360 gradi che domina l’intera oasi, comprese le lussureggianti foreste di deliziosi datteri e ulivi. Offre anche un giro impegnativo per gli appassionati di mountain bike. Pedalare lungo i suoi tortuosi sentieri disseminati di rocce frastagliate e chiazze sabbiose non è per i deboli di cuore, ma offre, a coloro che hanno esperienza, una pista esaltante.

Il fondo della montagna conduce nel lago salato incontaminato di Bahariya. Incredibilmente, non c’è sviluppo intorno alle sue coste, rendendo il terapeutico e calmo lago un posto eccellente, soprattutto per i kayakisti, per ammirare un tramonto maestoso.

“La mia parte preferita del viaggio è stata praticare il kayak con i raggi dorati che rimbalzavano sull’acqua. È stato un momento di pura meraviglia”, racconta Noreen Fadel che ha condiviso l’esperienza con la CNN Travel.

Tutti questi luoghi e attività sono adatti ad un viaggio di due o tre giorni. Quanto più lungo è il soggiorno, tanto più tempo ci sarà per esplorare la zona circostante in quanto vi sono numerose attrazioni della regione che meritano attenzione.

Potrebbero volerci anni o decenni prima che viaggiare sulla superficie della Luna sia possibile. Tuttavia, per coloro che non possono aspettare fino ad allora, il White Desert National Park potrebbe essere la prossima migliore opportunità per vivere il sogno di campeggiare sulla Luna.

Fonte: edition.cnn.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com