ABU DHABI: L’OASI DI AL AIN – UNA FORESTA DI PALME

ABU DHABI: L’OASI DI AL AIN – UNA FORESTA DI PALME

Alimentata da un sistema di irrigazione tradizionale, questa oasi di 147.000 palme si trova nel centro della città moderna di Al Ain.

Con il suo sistema di irrigazione tradizionale Falaj ancora funzionante, i sentieri serpeggianti sotto una folta chioma di palme da datteri e altri alberi da frutto, l’Oasi di Al Ain riflette l’agricoltura di questa regione da millenni.

Con un’estensione di 1.200 ettari, l’oasi si trova nel mezzo della città di Al Ain ed è la più grande delle oasi di Al Ain. Gli agricoltori coltivano oltre 147.000 palme da datteri di 100 varietà diverse, oltre a colture foraggere e alberi da frutto come mango, arancia, banana, fico e giuggiola (conosciuti localmente come sidr). I singoli appezzamenti sono separati l’uno dall’altro da mura di cinta storiche.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha riconosciuto tutte le oasi di Al Ain per la loro importanza come deposito di risorse genetiche, biodiversità e patrimonio culturale.

FORTE ORIENTALE
Il Forte Orientale, chiamato anche Sultan Fort, si trova al margine orientale di Al Ain Oasis e una volta si trovava al centro del villaggio di Hara o di Al Ain, chiamato anche Haret Al Hisn. Il forte è uno dei numerosi edifici storici associati alla crescente influenza della famiglia al-Nahyan al potere in Ain dalla fine del XIX secolo. Fu costruito intorno al 1910 da Sheikh Sultan bin Zayed (1922-1926), che vi risiedeva prima di diventare governatore di Abu Dhabi.
FALAJ
L’acqua che alimenta l’oasi proviene da pozzi, così come dal sistema antico falaj, che rubinetti lontani sotterranee o sulle montagne falde acquifere, e quindi fornisce l’acqua, a volte per molti chilometri, alle aziende agricole attraverso un sistema di livellamento del suolo e acquedotti sotterranei.
Ci sono due principali sistemi di falaj che servono l’oasi – Al Aini e Dawood. Forniscono acqua a due parti separate dell’oasi e provengono entrambe da sud-est, dalla direzione delle montagne di Hajar e dalla vicina montagna di Jebel Hafeet. Una volta all’interno dell’oasi, l’acqua viene distribuita attraverso una rete intricata di canali. La distribuzione è rigorosamente applicata e viene implementata bloccando i canali in modo da dirigere l’acqua verso l’area richiesta.
TERRENO FERTILE
Mentre altrove in Al Ain, il terreno è per lo più sabbia e ghiaia, nell’oasi, un corso d’acqua che scorre dalla montagna di Jebel Hafeet ha depositato uno spesso strato di limo e argille che sono adatti per l’agricoltura.
C’è un EcoCentre e altre strutture turistiche all’ingresso occidentale dell’oasi.

 

 

Fonte: Abu Dhabi Culture & Tourisme

 

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com