Il GEM – Grand Egyptian Museum. Atteso per il 2020, sarà il museo archeologico più grande al mondo!

Il GEM – Grand Egyptian Museum. Atteso per il 2020, sarà il museo archeologico più grande al mondo!
Condividi

Un progetto ambizioso finanziato interamente dall’Unione Europea con il supporto delle più importanti istituzioni. Sorgerà al Cairo e sarà il museo archeologico più grande del mondo!

Il Museo Egizio di Torino, il Louvre di Parigi, l’Ägyptisches Museum und Papyrussammlung di Berlino e il Rijksmuseum van Oudheden di Leida fanno parte della lega dei musei che coadiuverà le operazioni del grande progetto di ristrutturazione del GEM – Grand Egyptian Museum. Un enorme complesso a pochi chilometri dalle piramidi di Giza e dall’aeroporto del Cairo che sarà fornito di 28 negozi, dieci ristoranti, un centro congressi e un cinema. Un progetto su cui le autorità egiziane ripongono molta fiducia, nella speranza di rilanciare il paese e far tornare l’Egitto una destinazione culturale piena di fascino. Scadenza prevista per il 2020.

IL NUOVO MUSEO

Si chiama Transforming the Egyptian Museum of Cairo ed è il progetto di ristrutturazione che darà vita al centro archeologico più grande del mondo. Una missione ambiziosa finanziata interamente dall’Unione Europea e sostenuta dal sopracitato gruppo di musei (affini per tematica). Un museo, il GEM – Grand Egyptian Museum, la cui nascita era stata annunciata tanto tempo fa, già nel 1992, in previsione di aprire vent’anni dopo. Ma, a causa del difficile clima politico che ha immobilizzato a lungo la nazione, la data è slittata più volte, fino a quest’ultimo annuncio – si pensa definitivo -, che fissa il termine dei lavori al 2020. Il risultato finale sarà quindi un enorme complesso di 490.000 mq, un luogo pensato per l’“edu-tainment” (educazione e intrattenimento). Il costo complessivo invece, ammonta a un miliardo di dollari. Un investimento ingente ma che si spera efficace per rilanciare il paese dopo instabilità politica e attacchi terroristici, tornando ad ospitare flussi di turisti stranieri: “si sta sviluppando e modernizzando per l’esperienza del visitatore. Le due grandi attrazioni, le Piramidi e il Grande Museo Egizio, dovrebbero essere collegate e completarsi a vicenda”,afferma Tarek Tawfik, direttore di GEM che si pronuncia ottimista “Speriamo che questo aumenti il numero di visitatori, per garantire la sostenibilità e la manutenzione di questo enorme museo”.

LA STELE DI ROSETTA

Alcune indiscrezioni erano girate attorno a un’opera simbolo della civiltà antica, la stele di Rosetta. La lastra in pietra, databile intorno al 196 a.C., è stata scoperta dall’esercito di Napoleone, e si è rivelata un passe-partout per gli archeologi grazie alle sue inscrizioni tradotte in geroglifico, egiziano demotico e greco. Si trova al British Museum di Londra dal 1802, e da lì non si muoverà, nonostante alcune prime ipotesi che la vedevano prendere parte alla collezione del GEM. A far chiarezza infatti è stato lo stesso direttore Tawfik: “Sarebbe bello avere la stele di Rosetta in Egitto, ma questo è un argomento che necessiterà ancora di molte discussioni e trattative. Il rimpatrio degli oggetti non è una priorità per il Grand Egyptian Museum, a causa del numero di manufatti – più di 100.000 – che avremo in mostra quando apriremo nel 2020“.

LA POSIZIONE DELL’INGHILTERRA

A proposito dell’intervento del British Museum, è stata sollevata un’altra questione: quale sarà il ruolo dell’Inghilterra in questo consorzio UE quando, a fine marzo, gli effetti della Brexit saranno effettivi? La risposta è che il museo non farà marcia indietro. Continuerà ad esserci, magari assumendo un ruolo di consulenza per ciò che concerne la curatela e il riordino della collezione: “Speriamo sicuramente di continuare a partecipare a iniziative congiunte post Brexit; la maggior parte del lavoro su questo progetto si svolgerà dopo il 29 marzo” dichiara una portavoce, “Il museo lavora in collaborazione con musei in Europa e in tutto il mondo e continuerà a farlo”.

Fonte: Artribune – Giulia Ronchi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com