LENTO LENTO, L’INVERNO DEL TIROLO INVITA ALLA TRANQUILLITA’. L’AUSTRIA RIAPRE

LENTO LENTO, L’INVERNO DEL TIROLO INVITA ALLA TRANQUILLITA’. L’AUSTRIA RIAPRE

La notizia è che dal 12 dicembre (l’Austria)  il Tirolo riapre, per chi è vaccinato e per chi è guarito dal virus.
Le strutture alberghiere, gli impianti da sci, ristoranti, locali e tutto quanto ruota intorno alla magica vacanza in montagna, sono pronti ad accogliere, in tutta sicurezza, con la vita che riprende la sua normalità gli amanti del Tirolo. Tante attività che potranno riconnettere i visitatori con la natura al lento ritmo della montagna tirolese.

Camminare, ad esempio, fa bene. Non solo al cuore ma anche alla mente.
La medicina insegna che il movimento favorisce la produzione dell’insulina che metabolizza gli zuccheri prevenendo il diabete. Ma fa anche bene alle ossa, allena il cuore e mantiene in forma. Questo, in Tirolo, lo sanno bene e per questo ogni stagione è ottimale per camminare, anche in inverno, con la neve. Il trekking invernale è attività ormai consolidata. Accanto ai leggendari comprensori sciistici che hanno reso questa regione una meta apprezzata dagli sciatori, un ricco programma di ciaspolate e camminate invernali su sentieri battuti amplia l’offerta invernale proponendo attività slow, per chi desidera gustarsi l’inverno in modalità lenta, “a passo d’uomo”.

Le giornate europee di escursionismo invernale
Kartitsch è un incantevole villaggio situato nell’Osttirol. Dal 10 al 13 marzo 2022 ospiterà la seconda edizione delle “Giornate europee di escursionismo invernale”.
Kartitsch è il primo villaggio escursionistico invernale dell’Austria e propone quattro giorni di escursioni guidate, disponibili anche con guida in lingua italiana.

Tirolo
Kartitsch (c)Tirol Werbung

«L’escursionismo invernale scaccia lo stress, attraverso la rigenerazione in armonia con la natura, mente e corpo diventano di nuovo una cosa sola. In questo autentico villaggio di montagna, a 1.356 m nella Gailtal tirolese, si trovano le condizioni ottimali per le escursioni invernali – racconta Franz Theurl, presidente dell’Associazione Turistica dell’Osttirol –  Molti altri punti salienti attendono i nostri ospiti, come tour della città, serate tirolesi, romantiche escursioni con le fiaccole e discese con lo slittino».

Le escursioni invernali sono caratterizzate da diversi percorsi adatti a tutti i livelli e tutte le escursioni guidate sono incluse nei pacchetti, a partire da € 165 p.p. per 3 notti, colazione inclusa. Le guide si prendono cura degli escursionisti, sia che si tratti di un sentiero circolare lungo il torrente Gailbach, sia nell’idilliaca Winklertal o nella panoramica Hollbruck. Per chi vuole cimentarsi in trekking impegnativi, ci sono vari sentieri escursionistici a lunga distanza attraverso le più belle valli delle Alpi.

Tirolo
Pillerseetal, Fieberbrunn, Tragstätt_Tirol Werbung_Haindl Ramon_Fieberbrunn

Le proposte più gettonate per un trekking immersi nelle fiabe
Chi pratica escursionismo invernale? Coloro che principalmente sono alla ricerca di silenzio e esperienze immersi nella natura. Le regioni tirolesi offrono un’ampia rete con ottime infrastrutture e percorsi sicuri: se in Italia è d’obbligo dal primo gennaio avere nello zaino artva, pala e sonda per chi cammina nella neve, in Tirolo i sentieri sono certificati e non vi è l’obbligo di portare con sé l’attrezzatura. I sentieri escursionistici invernali sono segnalati, controllati e facilmente accessibili, con soste di ristoro per scaldarsi, rifocillarsi e riposare.
Tra le proposte clou:

Passeggiate invernali nelle Alpi di Kitzbühel
A partire da gennaio, il Sentiero nelle Alpi di Kitzbühel (KAT) avrà la sua versione invernale: KAT Walk Winter. Come il suo equivalente estivo, questo sentiero a lunga distanza attraversa alcuni dei luoghi più belli delle Alpi di Kitzbühel. I bagagli vengono trasportati per gli ospiti da un hotel all’altro. Si parte da Hopfgarten via Westendorf, Reith vicino a Kitzbühel e St. Johann in Tirol a St. Ulrich am Pillersee. I 63 chilometri per un totale di 1.100 metri di dislivello sono divisi in quattro tappe a ridosso della valle, in modo che ci sia abbastanza tempo per fermarsi, riposare, fare lunghe pause in locande tipiche per assaggiare i piatti tipici e per scoprire la bellezza del percorso a ritmo lento. lungo il percorso. Tra gli highlight: si può vedere la leggendaria Streif, la pista più difficile dell’intera Coppa del Mondo di sci; chi vuole, ha la possibilità di provare il volo con parapendio o “buttarsi” con il Flying Fox; visitare gli incantevoli borghi di questo magico territorio.

Da gennaio a marzo 2022 sono prenotabili pacchetti di 4 giorni di escursioni invernali lungo il KAT Walk Winter e 5 notti:

Titolo

Escursioni invernale nella regione Wilder Kaiser
4 tappe per 4 giorni: i partecipanti a questa escursione a lunga distanza possono immergersi nelle montagne innevate dell’Olympiaregion Seefeld lungo il primo sentiero escursionistico a lunga distanza in Tirolo, reso accessibile anche in inverno. Le quattro tappe conducono attraverso la valle di Leutasch, l’area di conservazione del paesaggio di Wildmoos, alla grande Campana della Pace a Mösern e infine al rifugio Wettersteinhütte nella valle Gaistal. Attiva da gennaio a marzo 2022.

Kaisertal: alba in vetta
Con la luna piena l’escursione invernale è davvero speciale: si parte da Kufstein (con la guida) la mattina presto, quando è ancora buio. La luna illumina il sentiero e la natura della Kaisertal – votata nel 2016 come il “posto più bello dell’Austria”. Dopo aver superato 280 gradini e 670 metri di dislivello si giunge alla malga Ritzau-Alm alle luci dell’alba. Un’indimenticabile colazione attende gli escursionisti mattinieri per rifocillarsi davanti ad un’imperdibile ed indimenticabile vista alpina.

Sulle orme degli animali selvatici sul lago Achensee
Si può imparare molto sull’habitat invernale di cervi, caprioli, lepri etc. durante le escursioni invernali nel Parco Naturale del Karwendel nella regione Achensee. I ranger del parco naturale mostrano ai partecipanti quali strategie di sopravvivenza usano gli animali selvatici per sopravvivere bene ai rigidi inverni. L’escursione dura da quattro a cinque ore e conduce ad un punto panoramico con vista spettacolare sull’Hinternutz e sul Vordernutz.

Massimo Terracina

Giornalista dal 1987, si è sempre occupato di sport ('82-'98) e turismo (dal '92 ad oggi). Ha fatto esperienza sul campo lavorando in adv e to (gsa compagnia aerea) per poi passare alla stampa trade, consumer, online con anche esperienze televisive. La sua casa è il mondo e vorrebbe tornarci al più presto perché, questo, significherebbe la fine della pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com