RARO CAPOLAVORO SCOPERTO SU UN ANTICO SARCOFAGO EGIZIO

RARO CAPOLAVORO SCOPERTO SU UN ANTICO SARCOFAGO EGIZIO

Una squadra italo-egiziana ha ricostruito un capolavoro dell’antica arte egizia. Sono stati in grado di ricreare virtualmente la faccia di un leopardo che è stato trovato su un coperchio di sarcofago in una necropoli. Hanno ricreato il volto del grande gatto usando l’ultima tecnologia digitale.

Un team guidato dall’archeologa italiana Patrizia Piacentini, dell’Università di Milano, ha trovato la necropoli sotto le sabbie del deserto non lontano da Aswan. Il luogo di sepoltura è stato portato alla luce da una profondità di circa 5 metri. Secondo Ansamed, la necropoli “si estende per oltre 25.000 metri quadrati sulla riva occidentale del fiume Nilo, vicino al Mausoleo dell’Aga Khan III”.

Oltre alla rete di tombe trovate sottoterra, sono state scoperte anche alcune sepolture scavate in una collina vicina. Si ritiene che il luogo di sepoltura sia stato in uso per un millennio dal VII secolo a.C. fino al III secolo d.C. quando l’Egitto era una provincia romana.

Il tesoro di una sepoltura

Ansamed riferisce che “una delle tombe, la numero AGH026, aveva già fatto notizia l’anno scorso quando fu trovata una grande sala con circa 30 corpi sepolti nel II secolo a.C.” Questo conteneva un tesoro di beni tombali, tra cui arte funeraria e una barella molto rara per il trasporto di cadaveri mummificati.

In questo sito, la squadra ha trovato un leopardo che è stato dipinto sullo stucco di un coperchio in frantumi di un sarcofago. Nell’antica cultura egizia, questo animale era il simbolo del potere e della determinazione. Live Science riferisce che la rappresentazione del predatore era “probabilmente destinata a rafforzare lo spirito del recente defunto per il viaggio verso la terra dei morti”.

L’immagine dipinta del leopardo è stata trovata in cattive condizioni e mancavano numerosi dettagli. È stato dipinto sul frammento di un coperchio del sarcofago, che era molto fragile e pieno di sabbia. Gli esperti hanno deciso di rimuovere lo stucco, con l’immagine, dal coperchio per salvare le opere d’arte. Era un compito molto delicato e avrebbe potuto facilmente andare storto. Archaeology.org cita Piacentini dicendo “è stata un’operazione molto delicata che ci ha fatto trattenere il respiro, avevamo le lacrime agli occhi”.

Ricreare la faccia di leopardo del sarcofago

Un tempo, la faccia del leopardo sarebbe stata allineata con la faccia della mummia all’interno della bara. Live Science cita la ricercatrice capo Piacentini, la quale riferisce che il simbolo del leopardo “era comune nell’antico Egitto, ma è molto raro trovarlo dipinto”. Il team ha prelevato il frammento con l’immagine del leopardo dal sito, al fine di preservarlo.

Quindi hanno deciso di utilizzare una tecnologia innovativa nel tentativo di ricostruire digitalmente il dipinto di circa 2200 anni fa. I ricercatori sono stati in grado di ricreare il leopardo, che originariamente era dipinto molto realisticamente, con colori vivaci e occhi spalancati. Piacentini ha dichiarato a Fox News “abbiamo fatto la scoperta alla fine di gennaio 2019, ma abbiamo appena terminato il restauro” virtuale “del frammento”. La ricostruzione digitale dimostra le grandi capacità degli artisti egizi e la loro capacità di creare opere d’arte realistiche e naturalistiche.

Semi di pino per l’aldilà

Sempre nella stessa tomba dove è stato trovato il dipinto del leopardo, c’era un piatto con alcuni semi di pino. Sulla base di libri di cucina di epoca romana sembra che questi fossero molto popolari e utilizzati in una varietà di cibi. È probabile che i semi siano stati collocati accanto alla sepoltura di una persona dalla sua famiglia. Gli egizi credevano che i defunti li avrebbero goduti nell’aldilà.

Il leopardo trovato ad Aswan viene ora conservato. Ilaria Perticucci e Rita Reale, entrambe conservatrici professioniste, stanno pianificando di ripristinare l’immagine negli ambienti controllati dei laboratori di Aswan. Non è noto se il dipinto restaurato sarà esposto in futuro. Nella necropoli, dove è stata trovata la straordinaria immagine, si continua a scavare da parte degli archeologi.

Fonte: Università di Milano –  Ed Whelan

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com