SPAGNA: NUOVE NORME PER L’EMERGENZA COVID-19

SPAGNA: NUOVE NORME PER L’EMERGENZA COVID-19

LA SPAGNA AGISCE CONTRO I FOCOLAI E APPLICA NUOVE NORME

I focolai: coordinamento per le misure tra enti regionali e governo centrale

NUOVE NORME

Il Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo ha preparato 18 guide turistiche specifiche dettagliate per tipo di stabilimento con raccomandazioni tecniche e sanitarie per il divertimento del turismo sicuro.

PIÙ GARANZIE AI TURISTI

Diverse regioni autonome si sono impegnate a pagare il soggiorno prolungato del visitatore nel caso in cui fosse costretto a mantenere una quarantena (Isole Canarie, Comunità Valenciana, ad esempio). Inoltre, molte sono le regioni che hanno previsto soluzioni ponte per isolare i casi positivi.

APP

Il governo sta anche promuovendo un’APP di tracciamento (COVID Radar) che è in grado di avvisare ogni utente se si trova a meno di due metri da una persona risultata positiva al coronavirus in un Test PCR (test molecolare per mezzo di tampone).

LINEE GUIDE TRASPORTO

Allo stesso modo, sono stati adottati tutti gli standard internazionali di salute e sicurezza dei trasporti.

Negli aeroporti spagnoli:
– possono entrare solo i passeggeri che stanno per viaggiare (e non i loro compagni) ;
– è obbligatorio l’uso di una mascherina;
– sono disponibili distributori di gel idroalcolici per gli utenti;
– i sedili sono contrassegnati per garantire la distanza interpersonale.


Triplo controllo sui passeggeri in arrivo dall’estero:

1. documento con i propri dati per poter essere localizzati se necessario, si può compilare e scaricare dal sito https://www.spth.gob.es/;
2. viene rilevata la loro temperatura;
3. esame visivo per osservare il loro apparente stato di salute.

MASCHERINA

L’utilizzo della mascherina è obbligatorio sia nei trasporti che negli spazi pubblici (siano chiusi o all’aperto) su tutto il territorio nazionale (nelle Isole Canarie se ne può fare a meno per strada purché sia ​​possibile mantenere una distanza minima di 1,5 metri).

PISCINE E SPIAGGE

Su spiagge e piscine è possibile togliersi la mascherina purché non si passi per lo spazio e, ovviamente, durante il bagno. Lo stesso accade nei ristoranti (anche nei tavoli all’aperto), dove è consentito stare senza mascherina al momento del consumo.

DISCOTECHE E SALE DA BALLO

In tutto il territorio spagnolo le discoteche e le sale da ballo sono chiuse come misura preventiva di assembramenti.

BAR E RISTORANTI

Possono essere aperti fino all’1.00 e dalle ore 00.00 non ammetteranno nuovi clienti. I tavoli saranno separati gli uni dagli altri un minimo di 1,5 metri e potranno sedersi a ciascuno di essi un massimo di 10 persone.

DIVIETO DI FUMARE

È vietato fumare sulle strade pubbliche o negli spazi esterni quando non è possibile mantenere una distanza minima di 2 metri.

AL RIENTRO IN ITALIA

A seguito dell’ordinanza del Ministero Italiano della Salute del 12 agosto 2020, chi torna in Italia dalla Spagna dovrà:

a) presentare attestazione di essersi sottoposto, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso in Italia, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo, oppure,

b) sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, all’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso in Italia presso l’azienda sanitaria locale di riferimento; in attesa di sottoporsi al test le persone sono sottoposte all’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora.

È obbligatorio comunicare immediatamente il proprio ingresso al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio.

Fonte: UFFICIO SPAGNOLO DEL TURISMO, ROMA – tourspainit.makeyourboard.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com