WILKIESTON, IN SCOZIA, AL JUPITER ARTLAND

WILKIESTON, IN SCOZIA, AL JUPITER ARTLAND
Condividi

Opere contemporanee su larga scala torreggiano su campi e si nascondono nelle foreste intorno a un maniero giacobino.

Sculture, installazioni e interventi di alcuni dei più grandi nomi dell’arte contemporanea abitano la tenuta di 100 acri intorno a Bonnington House. Il rinomato sito di sacre linee di ley e un possibile punto di aggregazione per i Cavalieri Templari, i terreni che compongono Jupiter Artland, costituiscono un’incantevole escursione diurna.

Era il 1999 quando gli avidi collezionisti d’arte Robert e Nicky Wilson acquistarono la storica Bonnington House con la visione di trasformare la tenuta in un parco di sculture. Prendendo spunto da Little Sparta di Ian Hamilton Finlay – il famoso giardino d’arte dell’artista scozzese e poeta nelle Pentland Hills – i Wilson hanno iniziato a lavorare per ammassare una distesa di opere d’arte all’aperto per punteggiare i campi e i boschi intorno a Bonnington.

Con oltre 30 sculture e installazioni nella collezione permanente del giardino, i punti salienti di Jupiter Artland comprendono Cells of Life contemplative dell’artista di Charles Jencks ; La colossale Love Bomb di Marc Quinn: Stone House Bonnington di Andy Goldsworthy; e la grotta immersiva di ametiste di Anya Gallacio, The Light Pours Out of Me.

Un programma in corso di mostre speciali, nuove commissioni, tour, conferenze, eventi e spettacoli dal vivo mantengono lo spazio attivo per i visitatori di ritorno e serve per coinvolgere la regione attraverso rapporti educativi forgiati con scuole, università e gruppi di comunità locali.

Jupiter Artland chiude al pubblico nei mesi invernali, riapre a maggio.

 

 

Fonte: AtlasObscura

 

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com