EGITTO: NUOVA SCOPERTA ARCHEOLOGICA A SAQQARA

EGITTO: NUOVA SCOPERTA ARCHEOLOGICA A SAQQARA
Condividi

La missione archeologica egiziana sotto la guida del dott. Mohamed Megahed ha annunciato martedì 2 aprile una nuova scoperta nel sud di Saqqara, nel governatorato di Giza.

Il dott. Megahed ha confermato che la scoperta mostra l’importanza del periodo del re Jadkar e della fine della V dinastia in generale. La missione è riuscita anche, durante l’ultima stagione degli scavi, a rivelare il nome della moglie del re per la prima volta: la regina St Ib Hoor. Una colonna di granito scolpita è stata trovata sul lato meridionale del suo tempio.

“La nuova scoperta, una tomba unica, risale alla quinta dinastia e appartiene a una delle classi nobili vicine al re nel tardo periodo della quinta dinastia”, ha dichiarato il segretario generale del Consiglio supremo per le antichità, Mostafa Waziri, durante la conferenza stampa.

La missione ha rivelato anche la presenza di una seconda camera, usata come camera sepolcrale che conteneva i resti di una bara di calcare bianco completamente distrutta.

Ha scoperto i resti di “Adam Khawi” tra le pietre, che è stato trovato sui resti di oli usati dall’antico Egitto nell’imbalsamazione.

Nel frattempo, la missione ha completato il restauro architettonico della piramide di re Jedekar all’interno, in quanto non ha subito precedenti lavori di restauro.

Gli archeologi completeranno il restauro e la registrazione archeologica della collezione gerarchica del re Jadkare per scoprire ulteriori informazioni sulla fine della V dinastia e l’inizio della sesta dinastia. La sesta dinastia fu testimone di un cambiamento radicale nell’antica vita egiziana attraverso i testi delle piramidi apparsi per la prima volta nella piramide di re Onas.

 Fonte: see.news – Ali Abu Dashish e Ahmed Yasser

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com