I GIARDINI BOTANICI A BELFAST

I GIARDINI BOTANICI A BELFAST
Condividi

Belfast Botanic Gardens e Palm House

Costruiti per la prima volta nel 1828, i giardini sono stati apprezzati come parco pubblico dal popolo di Belfast fin dal 1895. C’è un ampio giardino di rose e lunghi bordi erbacei e gli appassionati degli alberi possono cercare le rare querce piantate nel 1880. Situato vicino alla Queens University di Belfast, il Giardino Botanico è una parte importante del patrimonio vittoriano di Belfast e un popolare luogo di incontro per residenti, studenti e turisti.

Charles McKimm arrivò al Royal Botanic Gardens nel 1874 e fu nominato Head Gardener. Il suo entusiasmo ha contribuito ad apportare molti miglioramenti e i giardini sono stati trasformati. La Belfast Corporation acquistò i Giardini e la ribattezzò con il nome di Belfast Botanical Gardens Park. Nel 1903 McKimm fu nominato sovrintendente generale dei parchi a Belfast.

Storia della Palm House

Progettata da Charles Lanyon, la Palm House è uno dei primi esempi di una serra in ghisa curvilinea. La sua costruzione fu iniziata dalla Belfast Botanical and Horticultural Society negli anni ’30 dell’Ottocento. Le due ali furono completate nel 1840 e furono costruite da Richard Turner di Dublino, che in seguito costruì la Great Palm House ai Kew Gardens. L’ala fresca ospita piante come geranio, fucsia, begonia e display costruiti, un tributo di colori e profumi! La costruzione della Palm House iniziò nel 1839, e il Tropical Ravine, o Fernery, completato nel 1889, è un bell’esempio di orticoltura Vittoriana.

Tropical Ravine

Il Tropical Ravine ha avuto una trasformazione di 3,8 milioni di sterline e l’edificio che risale al 1887 è stato restaurato con molte delle sue caratteristiche originali vittoriane reintegrate e conservate. Suddiviso su due livelli con una reception aperta al piano terra, l’edificio è stato modernizzato per renderlo più efficiente dal punto di vista energetico con nuove finestre a triplo vetro installate per trattenere il calore e creare l’ambiente giusto per le piante tropicali che ospita. I visitatori potranno ora conoscere il stato di conservazione e la raccolta delle piante grazie a nuove mostre interattive e digitali. Anche l’accessibilità è stata migliorata con l’introduzione di strutture sensoriali per i visitatori ipovedenti e non udenti.

L’accesso ai giardini è gratuito tranne durante eventi speciali.

 

 

Fonte: discovernorthernireland.com

 

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com