I sub entrano nella tomba subacquea nelle piramidi dei misteriosi “faraoni neri”

I sub entrano nella tomba subacquea nelle piramidi dei misteriosi “faraoni neri”
Condividi

Una straordinaria spedizione subacquea sta rivelando importanti dettagli sui “faraoni neri” del Sudan e dell’Egitto

Se si pensa alle piramidi viene in mente l’Egitto. Le grandi piramidi di Giza in Egitto sono ben note, ma il Paese del Sudan ha in realtà più piramidi. Vanta molte note sepolture reali nelle piramidi di Nuri, un’antica necropoli tentacolare. Copre oltre centosettanta acri in cui il fiume Nilo si snoda non lontano dal confine egiziano a nord e il Mar Rosso a est.

Sfortunatamente, con le tombe così vicine al Nilo, l’innalzamento della falda freatica ha causato l’inondazione di alcune di esse, che sono diventate quasi impossibili da visitare. Grazie in parte all’assistenza finanziaria della National Geographic Society, la dott.ssa Pearce Paul Creasman, archeologa specializzata in egittologia e storia sudanese all’Università dell’Arizona, è stata in grado di entrare nella tomba sottomarina di Kush King Nastasen, uno dei “faraoni neri”.

Pyramids of Sudan. Photo by Christopher Michel CC by 2.0

Quando Creasman e il suo compagno di immersioni, Kristin Romey del National Geographic hanno nuotato nella prima camera, questa era completamente sott’acqua. Il tetto crollato della seconda camera ha dato un po’ di spazio in più prima che attraversassero una piccola porta verso la terza camera che contiene il sarcofago di pietra sommerso.

I due sub hanno trovato pezzi di foglia d’oro, probabilmente provenienti da un manufatto che non è sopravvissuto all’acqua e da uno shabti, una piccola figurina che sarebbe diventata un servitore del re nell’aldilà. Ora che sanno cosa aspettarsi e hanno risolto i problemi nel loro sistema di approvvigionamento di ossigeno, cercheranno di recuperare il sarcofago nella prossima stagione.

Figurine found by the divers. Photo by NURI ARCHAEOLOGICAL EXPEDITON / PEARCE PAUL CREASMAN

Creasman ha detto alla BBC che la squadra “ha scavato il più lontano possibile” lungo una scala di 65 gradini che ha portato all’ingresso della tomba. Ma poi aggiunge “siamo scesi di circa 40 gradini fino a quando non abbiamo raggiunto la falda freatica e sapevamo che non saremmo stati in grado di andare oltre senza abbassare la testa”. Ha descritto ciò che ha trovato “notevole”.

Le normali bombole “sarebbero state troppo ingombranti”, ha detto Creasman, quindi hanno usato un tubo che pompava ossigeno dalla superficie durante l’immersione. Photo by NURI ARCHAEOLOGICAL EXPEDITON / PEARCE PAUL CREASMAN

“Ci sono tre camere, con questi splendidi soffitti a volta, delle dimensioni di un piccolo autobus, vai in una camera nella successiva, è buio pesto, ti rendi conto di essere in una tomba quando le luci del flash non sono accese. E inizia a rivelare i segreti che si nascondono dentro”.

Nastasen, il faraone di cui cercavano la tomba, era un re minore del popolo Kush che viveva nel deserto della Nubia, ora Sudan. Secondo l’Enciclopedia della Storia Antica, la città nubiana di Kerma, fondata intorno al 2400 a.C., era un popolare centro per gli scambi commerciali in un’area piena di abbondanti risorse naturali tra cui ebano, incenso, avorio e soprattutto oro, ambito dal potente governo egizio. Intorno al 1500 a.C., il faraone Thutmose I mandò i suoi eserciti a sud e distrusse Kerma, ponendo fine alla libertà dei Kush. Thutmose III fondò la città di Napata, incorporando i Kush in Egitto e ampliando il potere egizio.

Nubian Tribute Presented to the Egyptian King, Tomb of Huy circa 1353 –1327 B.C.

Nel corso dei successivi cinquecento anni, il governo egizio divenne gradualmente più debole fino a quando i Kush furono in grado di conquistare l’Egitto durante il regno del re Piye tra il 743 e il 712 a.C. I Nubiani divennero quindi la venticinquesima dinastia di faraoni in Egitto, ora conosciuta come “I faraoni neri”, e iniziarono a costruire piramidi e ad usare geroglifici egizi. Questo era un periodo stabile per l’Egitto secondo Livio. Gli Assiri alla fine cacciarono i Nubiani dall’Egitto e, verso il 300 a.C., i Nubiani spostarono la loro capitale più a sud verso Meroë, che divenne presto una città ricca e potente.

Nel 1913, l’egittologo di Harvard, il dottor George Reisner, iniziò a scavare a Kerma e ad identificare tutte le piramidi reali. Fu in grado di scrivere la storia dei Kush tra cui settanta generazioni di monarchi e le date in cui governarono decifrando gli scritti sulle tombe. Tuttavia per lungo tempo egittologi e archeologi non hanno prestato attenzione alla storia nubiana e non potevano immaginare che i “faraoni neri” avrebbero potuto costruire piramidi. Anche i reperti riportati da Reisner furono in gran parte messi da parte e dimenticati.

Le tombe e la loro affascinante storia sono state ulteriormente messe in evidenza dalla notizia della scoperta della tomba di Tutankhamon e dal fatto che l’acqua stava salendo, e qualsiasi progetto archeologico dovette affrontare l’impossibilità di fare scavi tradizionali. Secondo National Geographic, Creasman oltre ad essere un egittologo e anche un archeologo subacqueo.

Dopo la sua visita nel 2018, ha iniziato a pianificare come esplorare ciò che era stato fino a quel momento irraggiungibile non potendo contare sulla tecnologia di oggi. Sebbene il compito di scavare nelle camere funerarie reali sia scoraggiante, Creasman ritiene che possa essere fatto; questo è il piano per il 2020. Dice: “È un punto straordinario nella storia che pochi conoscono. È una storia che merita di essere raccontata. “

Fonte: thevintagenews.com –  Ian Harvey

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com