Le acque intorno ad Auckland sono state viste brillare di blu

Le acque intorno ad Auckland sono state viste brillare di blu

Un fotografo ha condiviso una serie di immagini inquietanti e accattivanti che mostrano un litorale vicino ad Auckland, in Nuova Zelanda, illuminato da un plancton bioluminescente blu incandescente.

Catturato da Alistair Bain, un insegnante di liceo con una passione per la fotografia, le immagini sono state scattate a Tindalls Bay, sulla penisola di Whangaparaoa, a nord della città. Le acque sono state viste brillare in una tonalità spettrale, un fenomeno causato dal plancton marino nella zona. Dopo aver scattato le fotografie, Alistair ha chiesto a un suo collega, scienziato marino e insegnante, Daniel Ward, di dare qualche spiegazione in più su ciò che provoca la visione colorata.

Tindalls Bay – Nuova Zelanda

“Il bagliore è causato da una reazione di ossidazione all’interno del corpo dell’organismo per produrre luce al fine di distrarre ed eludere i predatori. Può essere difficile prevedere quando appariranno queste fioriture di plancton marino, anche nell’acqua calda che preferiscono. Per una migliore esperienza di bioluminescenza, l’acqua deve essere disturbata dall’azione delle onde o semplicemente da un nuotatore che sguazza intorno, il che attiva il loro meccanismo di difesa “, ha spiegato Daniel Ward.

Nonostante sia cresciuto nella zona, questa è stata solo la seconda volta che Alistair abbia mai visto la bioluminescenza. La sera prima, sua sorella gli aveva detto che aveva notato che l’acqua assumeva un colore insolito, suggerendo che sarebbe stata una buona notte per andare con la sua macchina fotografica per provare a catturarla. Uscendo dopo il tramonto con sua madre, Alistair controllò alcune altre spiagge prima di trovare la zona del plancton attivo che veniva osservata da una piccola folla di gente del posto.

Tindalls Bay – Nuova Zelanda

“È stato molto difficile fare una foto. Il sistema di messa a fuoco automatica della fotocamera non funziona al buio, quindi è necessario mettere a fuoco manualmente l’obiettivo. Devi anche usare le impostazioni manuali per dire alla telecamera quanta luce raccogliere. C’era un grande contrasto di luce in diverse parti della foto. Luci intense da una città vicina e ombre scure sotto un albero, ovviamente anche cercando di ottenere l’esposizione corretta per mostrare chiaramente la luce incandescente del plancton. Le mie foto erano tra 10 e 30 secondi di esposizione, quindi cercare di catturare me stesso nella foto ha aggiunto un altro livello di complessità “, ha detto Alistair a Lonely Planet.

Il fotografo ha anche affermato che la reazione alle immagini è stata grandiosa ed è felice di essere in grado di mostrare la bellezza della sua zona.

Fonte: lonelyplanet.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com