LE GROTTE DI ERCOLE COLLEGAVANO DAVVERO IL MAROCCO E LA SPAGNA?

LE GROTTE DI ERCOLE COLLEGAVANO DAVVERO IL MAROCCO E LA SPAGNA?

Lungo il punto più nord-occidentale dell’Africa si trovano antiche grotte circondate da leggende.

Lungo la punta più a nord-ovest del continente africano si trova un affascinante complesso di caverne intriso di miti e leggende. Secondo la tradizione, fu persino visitato da uno degli eroi più famosi della mitologia romana.

Secondo il mito, Ercole dormì qui mentre andava a rubare tre mele d’oro dal Giardino delle Esperidi. Rubare le mele, che si credeva conferissero l’immortalità, era l’undicesimo dei “12 fatiche di Ercole”. Secondo gli antichi scrittori, il giardino si trovava nel vicino Lixus (l’attuale città di Larache sulla costa atlantica).

Un’altra storia racconta che le grotte sono la fine di un tunnel lungo 24 chilometri che collega il Marocco e la Spagna. Un racconto popolare narra che le famose scimmie macaco di Gibilterra provenivano dall’Africa utilizzando questo passaggio.

Non troverai Ercole o scimmie nelle caverne, ma vale comunque la pena esplorarle. Il complesso ha due aperture. Quello che si affaccia sul mare ricorda la forma dell’Africa e si dice che sia stato creato dai Fenici. L’apertura che si affaccia sulla terra è stata creata dai berberi locali, che hanno tagliato le pietre dalla roccia.

Le grotte sono vicine al faro di Cap Spartel, costruito tra il 1861 e il 1864 da una coalizione internazionale (compresi Stati Uniti, Francia, Spagna e Marocco) che segna l’ingresso dello stretto di Gibilterra.

Le Grotte di Ercole si trovano a Capo Spartel, il punto più a nord-ovest dell’Africa continentale, a meno di 14 miglia a ovest di Tangeri. Le grotte sono aperte al pubblico e sono facilmente raggiungibili percorrendo la strada nazionale S701.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com