MALDIVE: PRONTE A RIAPRIRE AI TURISTI DAL 15 LUGLIO

MALDIVE: PRONTE A RIAPRIRE AI TURISTI DAL 15 LUGLIO
Condividi

Il presidente Ibrahim Mohamed Solih, martedì, ha annunciato che le Maldive riapriranno i propri confini ai turisti il 15 luglio

La tanto attesa data è stata annunciata in una conferenza stampa presso l’Ufficio del Presidente martedì sera.

Maldivian President Ibrahim Mohamed Solih at a press conference on June 23, 2020. (Photo/President’s Office)

Parlando alla conferenza stampa, il Presidente ha affermato che le Maldive hanno ottenuto risultati positivi dai loro sforzi per frenare la diffusione del nuovo coronavirus nel Paese e ora sono entrati nella seconda fase, che vedrà l’allentamento di molte restrizioni. La decisione più importante è la riapertura dei confini del Paese, ha detto.

Il Presidente ha annunciato che le Maldive riapriranno tutti gli aeroporti internazionali e consentiranno ai resort di ricominciare i servizi dal 15 luglio.

Interrogato in merito alle proiezioni annuali sugli arrivi di turisti, il Presidente ha dichiarato che il governo ora prevede l’arrivo di 850.000 turisti quest’anno, inclusi i 382.762 arrivi di turisti registrati prima della chiusura delle frontiere il 27 marzo.

Russian tourist Marina Kazakova (C) – the 1.5 millionth tourist to arrive in Maldives in 2019 – is welcomed upon arrival at the Velana International Airport on November 24, 2019. (Sun Photo/Fayaz Moosa)

La cifra è un duro colpo per le Maldive, che l’anno scorso avevano registrato un record di 1,7 milioni di arrivi di turisti.
Il Presidente ha affermato che il governo non impedirà ai turisti provenienti da qualsiasi Paese di entrare alle Maldive.

Ha affermato che la Cina, il principale mercato di riferimento per l’industria del turismo delle Maldive, ha assicurato che non limiterà i turisti cinesi a recarsi alle Maldive. Tuttavia, i turisti cinesi dovranno essere testati per il nuovo coronavirus prima di tornare in Cina.

Gli aeroporti hanno stabilito le necessarie disposizioni per facilitare i test sui turisti, ha affermato il Presidente.

Mentre i resort riapriranno a luglio, le guesthouse non saranno autorizzate a ricominciare i servizi per i turisti internazionali fino ad agosto.

I turisti riceveranno un visto turistico gratuito di 30 giorni e non saranno soggetti a misure di quarantena all’arrivo.

Velana International Airport (VIA). (Sun Photo/Fayaz Moosa)

ALLENTAMENTO DELLE RESTRIZIONI, AUMENTO DELLA CAPACITÀ DI TEST

Secondo il Presidente, a fine luglio riapriranno gli uffici governativi, i caffè e ristoranti per i servizi di ristorazione interni e le moschee nella capitale per le congregazioni di preghiera con speciali misure preventive.

Nel frattempo, la capacità di effettuare test sarà aumentata a 3.000 test al giorno con l’espansione in altre due regioni; la Città di Addu e la città di Kulhudhuffushi.

GRATITUDINE AL POPOLO MALDIVIANO

Il Presidente, nella sua conferenza stampa, ha ringraziato il popolo maldiviano per il rispetto delle misure restrittive imposte per frenare la diffusione del coronavirus, in particolare il lockdown della popolosa capitale che ha visto circa la metà della popolazione maldiviana rinchiusa nelle proprie case per due mesi.

Ha sottolineato che gli abitanti della capitale hanno trascorso 42 giorni, compreso l’intero mese sacro del Ramadan, confinati nelle proprie case.

“Sono stati 42 giorni duri e difficili in cui intere famiglie, compresi bambini piccoli e genitori anziani, sono stati costretti a rimanere confinati nelle proprie case. Un grande sacrificio da parte dei singoli cittadini per la sicurezza di tutta la comunità. Esprimo la mia sincera gratitudine all’amato popolo delle Maldive “, ha affermato.

Rapid Response Team officials take random samples for coronavirus testing in Male’ City on May 28, 2020. (Sun Photo/Fayaz Moosa)

Le Maldive hanno identificato il primo caso di coronavirus il 7 marzo e hanno dichiarato lo stato di emergenza sanitaria pubblica per la pandemia quattro giorni dopo, l’11 marzo. Ha cessato l’emissione di visti all’arrivo e ha chiuso i propri confini il 27 marzo.

Mentre i casi di coronavirus erano stati inizialmente circoscritti nei resort e safari, e successivamente nelle strutture di quarantena che ospitavano viaggiatori in arrivo, Malé City ha identificato il suo primo caso di coronavirus il 15 aprile, provocando un lockdown in tutta la città e un divieto a livello nazionale di viaggi non essenziali.

Le Maldive hanno iniziato ad allentare il lockdown dopo un calo delle infezioni quotidiane dalla fine di maggio.

Le Maldive hanno 2.217 casi confermati di coronavirus, di cui 1.813 pazienti guariti e otto deceduti per complicanze. Il tasso di recupero è dell’82% e i casi attivi sono scesi a 394.

Fonte: en.sun.mv/61274 – JETWING TRAVELS

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com