QUE VIVA CUBA! FINALMENTE LA ISLA GRANDE RIAPRE AL TURISMO

QUE VIVA CUBA! FINALMENTE LA ISLA GRANDE RIAPRE AL TURISMO

Cuba riapre al turismo il 15 novembre. Era ora che arrivasse anche questa notizia, soprattutto in considerazione dei significativi progressi nel processo di vaccinazione di massa in tutto il territorio nazionale, e per l’esistenza di ben tre vaccini cubani di provata efficacia.

«Entro la fine di novembre 2021 più del 90% della popolazione avrà completato il programma di vaccinazione, compresa quella in età pediatrica, tra i 2 e i 18 anni e forte di questi risultati, Cuba ha deciso di programmare l’apertura delle sue frontiere ai viaggiatori internazionali a partire dal 15 novembre – dice Madelen Gonzalez Pardo Sanchez, consigliera per il turismo presso l’Ambasciata di Cuba a Roma – Già dallo scorso 7 novembre, la quarantena obbligatoria per i visitatori del paese è stata rimossa. Secondo le cifre ufficiali del Ministero della Salute Pubblica cubano, alla data del 4 novembre, più di 10 milioni di cittadini a Cuba hanno iniziato il loro programma di vaccinazione con i vaccini SOBERANA 02, SOBERANA Plus e ABDALA. Alla stessa data, 7.458.669 cubani (76,2% della popolazione idonea alla vaccinazione) avevano già completato il loro programma di vaccinazione».

I lavoratori dei settori del turismo e dei trasporti, delle dogane, dell’immigrazione e dell’aviazione, insieme a quelli della sanità, sono stati tra i primi ad essere vaccinati, e una vaccinazione di richiamo rafforzativo per costoro personale sarà completata entro il 15 novembre.

Cuba
Madelen Gonzalez Pardo Sanchez, consigliera per il turismo presso l’Ambasciata di Cuba a Roma

E per rendere tutto più facile, il Ministero della Salute Pubblica di Cuba, ha elaborato un protocollo igienico-sanitario dedicato ai viaggiatori in questa nuova fase., prendendo in considerazione le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale del Turismo e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il programma chiamato “Turismo più Igienico e Sicuro (T+HS)”, che mira a garantire il rispetto dei nuovi standard stabiliti per combattere il covid, valido in quelle strutture statali e private che siano già state certificate.

Ecco i nuovi regolamenti previsti dal 15 novembre:

– All’arrivo a Cuba, i passeggeri vaccinati devono presentare il Certificato di Vaccinazione (Green Pass), in formato digitale o stampato.
– Sono riconosciuti tutti i vaccini internazionali approvati dalle autorità farmaceutiche o sanitarie dei rispettivi paesi.
– I passeggeri non vaccinati devono presentare il risultato negativo di un test di tipo PCR (test molecolare), effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo a Cuba.
– I bambini sotto i 12 anni, se non vaccinati, non devono presentare il risultato del test PCR.
– I protocolli sanitari e igienici previsti per l’arrivo dei viaggiatori a Cuba si concentreranno sulla sorveglianza delle persone sintomatiche e sul rilevamento della temperatura.
– I test diagnostici saranno eseguiti anche a campione.
– Nel caso in cui un viaggiatore risulti positivo, il protocollo sanitario stabilito determina il trasferimento in uno degli hotel-ospedali, che sono strutture turistiche autorizzate dai Ministeri del Turismo e della Salute Pubblica per l’assistenza medica specializzata.

In ogni momento, l’assistenza medica sarà presente in ogni località.

Sono rafforzati in modo appropriato I protocolli per l’assistenza medica nelle strutture turistiche, dove si deve osservare l’uso di mascherine al chiuso e in presenza di altre persone, il distanziamento fisico (in base della capacità delle diverse stanze della struttura turistica), l’igiene costante, le misure di disinfezione delle mani, la misurazione della temperatura, tra gli altri.

I visitatori che arrivano a Cuba potranno muoversi per tutto il paese e godere degli hotel nei diversi centri turistici, così come le case private in qualsiasi località, ristoranti e caffetterie, musei, parchi naturali, ecc. che abbiano la certificazione Turismo Più Igienico e Sicuro #T+HS.

Tutti i mezzi di trasporto terrestre sono disponibili nel paese per il servizio turistico, come taxi, autobus, noleggio auto, tour in camper.

I circuiti turistici e le escursioni sono ripresi in tutto il territorio nazionale.

Su consiglio del MinTur, è opportuno prendere nota che:

  • Negli ultimi due anni c’è stato un aumento di quattromila nuove camere disponibili per il turismo a Cuba.
  • I viaggiatori troveranno strutture turistiche rinnovate e nuovi servizi.
  • Ci sono miglioramenti per la connettività Internet.
  • Uso della connessione Wi-Fi gratuita per 30 minuti negli aeroporti.
  • Esistono nuove piattaforme per la vendita online di servizi e facilitazioni per effettuare pagamenti digitali. A questo proposito, gli uffici di cambio negli aeroporti, nei porti turistici e nelle zone turistiche avranno carte prepagate in valuta libera convertibile (MLC), che possono essere acquistate dai turisti per pagare i servizi in territorio cubano. Queste carte sono valide per 2 anni e l’importo che il viaggiatore non ha speso, se lo desidera, al momento di lasciare il paese sarà rimborsato.

Massimo Terracina

Giornalista dal 1987, si è sempre occupato di sport ('82-'98) e turismo (dal '92 ad oggi). Ha fatto esperienza sul campo lavorando in adv e to (gsa compagnia aerea) per poi passare alla stampa trade, consumer, online con anche esperienze televisive. La sua casa è il mondo e vorrebbe tornarci al più presto perché, questo, significherebbe la fine della pandemia.
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com