Alitalia RE-CONNECT: VEDIAMO LE NOVITÀ SULLE APERTURE DEI CONFINI IN TUTTO IL MONDO

Alitalia RE-CONNECT: VEDIAMO LE NOVITÀ SULLE APERTURE DEI CONFINI IN TUTTO IL MONDO

L’Italia aggiorna costantemente la lista dei Paesi ad alto rischio. Vediamo gli ultimi aggiornamenti

Ha imposto il divieto di entrata ad altri 3 Paesi dei Balcani. Con l’aggiunta di Kosovo, Serbia e Montenegro, l’Italia ha ora 16 nazioni nella sua lista. Coloro che sono stati in questi Paesi negli ultimi 14 giorni, non potranno entrare in Italia. L’elenco dei Paesi soggetti a restrizioni comprende ora Armenia, Bahrain, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia, Montenegro e Kosovo.

Poche novità in Africa. Il governo del Marocco ha esteso lo “stato di emergenza sanitaria” fino al 10 agosto. La regione settentrionale del Paese, che comprende le città di Tangeri/Assila e Tétouan, ha messo in atto misure di lockdown più rigorose. Una parziale riapertura dei suoi confini inizierà il 14 luglio a mezzanotte. Questa riapertura ridotta è un’”operazione speciale” per consentire ai residenti marocchini di tornare e ai cittadini stranieri di lasciare il Paese. Tutti i voli saranno operati solo da compagnie aeree marocchine. Una sorta di passo indietro è stata fatta in Sudafrica, dove lo stato di allerta nazionale è stato esteso fino al 15 agosto. Il Paese rimane al livello 3 di lockdown fino a nuovo avviso e il coprifuoco è stato ripristinato. Tutti i voli passeggeri internazionali sono vietati ad eccezione di quelli autorizzati dal Ministro dei Trasporti.

In Medio Oriente, Israele sta affrontando un nuovo focolaio di coronavirus. Per questo motivo, il Consiglio dei Ministri ha annunciato nuove restrizioni. Il Libano ha iniziato la fase 2 sebbene i suoi confini rimangano chiusi.

Ora le persone in Giordania possono spostarsi liberamente e le imprese possono riaprire. I voli internazionali commerciali regolari rimarranno sospesi almeno fino al 24 luglio.

In Nord America, la situazione è stabile in Canada. Negli Stati Uniti, 35 Stati stanno segnalando aumenti dei casi e molti di loro stanno facendo un passo indietro alla fase 1 e chiudendo anche ristoranti e bar. Si richiede di utilizzare le mascherine protettive, ma non c’è accordo in tutto il Paese.

Nell’America centrale e meridionale, nessun cambiamento significativo in Messico e in Argentina.

Nessun cambiamento anche in Brasile. A causa della sua situazione critica, il Paese è stato incluso nell’elenco di quelli ad alto rischio. Il decreto che vieta agli stranieri di entrare nel Paese per via aerea, terrestre e marittima scadrà il 29 luglio.

In Asia, il Giappone non ha ancora riaperto ai cittadini dell’UE.

Il numero di casi sta subendo un’impennata in India, e singoli Stati e città stanno imponendo nuovamente restrizioni. L’ultima è Goa, uno stato costiero occidentale famoso per i resort sulla spiaggia. Ha imposto un blocco di tre giorni e il coprifuoco notturno – solo due settimane dopo la riapertura dello Stato ai turisti.

Purtroppo, non ne siamo ancora usciti. Teniamoci in contatto!

Fonte: Alitalia Connect

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com