BANGKOK – LA STRANA STORIA DEL SANTUARIO INDÙ DI ERAWAN

BANGKOK – LA STRANA STORIA DEL SANTUARIO INDÙ DI ERAWAN
Condividi

Un santuario costruito per combattere il cattivo karma di un’impresa commerciale

Su consiglio di un rispettato astrologo, il Santuario di Erawan fu costruito nel 1956 più o meno nello stesso periodo della costruzione di un hotel vicino per eliminare il cattivo karma che si credeva fosse causato dalla posa delle fondamenta in una data infausta.

Si credeva che gli spiriti infelici fossero responsabili del ritardo nella costruzione dell’hotel ferendo i lavoratori e provocando la perdita di una spedizione di marmo italiano destinata all’edificio. Per aggiungere alla cacofonia di fantasmi arrabbiati che sciamavano intorno all’incrocio di Ratchaprasong, il governo aveva storicamente giustiziato criminali nello stesso posto. Un santuario indù è stato visto come una soluzione e i piani dell’hotel sono stati modificati per ospitare il sito devozionale. Il santuario prende il nome da Erawan, il nome thailandese dell’elefante bianco che trasporta un dio indù, ma il fulcro del sito è la statua dorata del Brahma a quattro facce, Phra Phrom.

Sfortunatamente, da quel momento in poi non furono tutti bei tempi pacifici al santuario. Nel 2006, un uomo, successivamente giudicato mentalmente instabile, attaccò il Brahma con un martello. Successivamente fu picchiato a morte da una folla inferocita. Nel 2015, una bomba nel santuario uccise 20 persone e ne ferì 125. Si sospetta che fu piazzata da nazionalisti turchi in risposta alla deportazione di prigionieri turchi. Da allora la statua e il santuario sono stati restaurati.

Nel santuario si vedono spesso i thailandesi locali che omaggiano la statua con ghirlande, incenso, candele e persino uccelli, insieme ad una troupe di ballerini classici thailandesi in costume.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com