Quest’isola alle Maldive è diventata un sito di nidificazione di tartarughe marine

Quest’isola alle Maldive è diventata un sito di nidificazione di tartarughe marine

La nidificazione delle tartarughe in una straordinaria isola alle Maldive

“La Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) classifica gli animali viventi sul pianeta in base a quanto vicini o quanto sono lontani dall’estinzione per consentire alle persone di prendere alcune misure per proteggerli”, ha detto Giorgia Maggioni, Marine Biologist presso Emerald Maldives Resort & Spa. Tutte le tartarughe marine trovate alle Maldive – tra cui il becco di falco, l’olivastra e la tartaruga verde (così come le molto meno comuni testuggine e leatherback) – hanno uno status in “via di estinzione”. “La tartaruga embricata è gravemente minacciata secondo la Lista rossa, il che significa che è molto vicina all’estinzione. Ospitare questa specie specifica di tartaruga che cova qui su quest’isola fa bene all’ambiente, e ne siamo incredibilmente orgogliosi”.

Il processo di nidificazione e schiusa, ha affermato, è una delle parti più affascinanti del ciclo di vita di una tartaruga marina. Sebbene i biologi marini lo studino comunemente, tuttavia, non è ancora del tutto chiaro. Quello che sappiamo è che questi animali hanno una straordinaria capacità di risalire verso la zona precisa in cui sono nati. Questa abilità, chiamata “imprinting”, si verifica durante il processo di schiusa sia nei maschi che nelle femmine e si basano essenzialmente sul campo magnetico terrestre per creare una mappa nel loro cervello. L’abilità di leggere queste mappe mentali rimane con loro per tutta la vita.

“Quello che è successo qui su quest’isola è che un paio di mesi prima della schiusa, una tartaruga marina è arrivata sulla spiaggia e ha trovato il posto perfetto per nidificare”, ha spiegato Giorgia. “Le tartarughe marine sono molto esigenti nel trovare dove nidificare e vogliono trovare il posto ideale per deporre le uova. Hanno bisogno di un posto che sia abbastanza buio e abbastanza lontano dal segno dell’alta marea. Quindi è un buon segno per l’isola, perché significa che l’ambiente è ancora davvero naturale “.

Ha anche espresso la sua eccitazione nell’aiutare queste tartarughe marine, dal momento che solo una su 1.000 tartarughe marine raggiunge l’età adulta. Emerald Maldives Resort & Spa ora può tenere al sicuro i nidi e proteggere le tartarughe marine da potenziali predatori come granchi o uccelli mentre eseguono il loro primo traballante strisciare dall’uovo all’oceano.

“Aumentare la consapevolezza ambientale è sempre stato l’obiettivo più importante per me”, ha aggiunto Giorgia. “Adoro aumentare la conoscenza dei nostri ospiti in merito alla vita marina e renderli consapevoli dell’importanza dell’oceano, perché una volta compreso il motivo per cui è importante, sarai più disposto a proteggerlo”.

Giorgia organizza presentazioni più volte alla settimana sulla proprietà e fa escursioni in barca con gli ospiti per rispondere alle domande sulla vita marina. Presenta inoltre persone ad alcune organizzazioni locali di conservazione, come Marine Savers, Manta Trust e Olive Ridley Project. Poiché le piace associare l’azione all’istruzione, ha organizzato attività di pulizia della laguna per la plastica che potrebbe essere stata lasciata a terra (sebbene Emerald Maldives Resort & Spa non utilizzi plastica monouso, non tutti i resort delle Maldive hanno lo stesso impegno per la sostenibilità).

Emerald Maldives Resort & Spa

Ora il resort ha un nuovo segno di vita che gli ospiti possono ammirare. Giorgia si aspetta che quando queste tartarughe marine matureranno, torneranno e deporranno almeno cinquanta uova durante la stagione della nidificazione, un’esperienza che non dimenticherà presto. Oltre a proteggerli da potenziali danni e ad usare le luci per condurli verso l’oceano, ha detto che non puoi raccogliere le tartarughe marine per aiutarle.

“Senti il bisogno di aiutare la tartaruga anche se non puoi toccarle, altrimenti rimuovi l’imprinting che hanno”, ha detto. “L’unico momento in cui puoi intervenire è se verranno mangiati da un predatore; in caso contrario, puoi solo osservarli e guardarli davvero lottare per raggiungere il mare. Era la prima volta che guardavo schiudersi le tartarughe marine, ed è stato piuttosto emozionante”.

Fonte: forbes.com – Theresa Christine

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com