BRUXELLES: VERSO IL 2022 CON TANTE NOVITA’

BRUXELLES: VERSO IL 2022 CON TANTE NOVITA’

Bruxelles, capitale belga, ma soprattutto epicentro europeo di cultura, arte, idee e politica comunitaria è una città attraente sotto tantissimi punti di vista, alternativa e frizzante, ma soprattutto capace di reinventarsi in continuazione.

Bruxelles
Ursula Jone Gandini

Ce lo ha raccontato in un incontro dove il tema della serata, per una volta, è stata l’eleganza, consona all’appeal antico e sostenuto che rappresenta la capitale ideale della EU, con quel tocco di  mondanità e di classe che si addice ad una città così, il direttore di Visit Brussels in Italia, Ursula Jone Gandini.

«Bruxelles è una città costante mente in movimento e non basta mai il tempo per raccontarla – ha così accolto gli ospiti Ursula Gandini – ma credo cheil fatto di essere nuovamente assieme, a  condividere un segno di speranza e di certezza verso il futuro, per una pronta ripresa sia il miglior modo di accogliere questo 2022. Bruxelles in questa stagione natalizia è il “Plaisirs d’Hiver” (Winter Wonders), uno dei mercati più famosi e pittoreschi d’Europa che funzionerà fino al 2 gennaio, accendendo la città di luci scintillanti ».

Una serata indimenticabile, perché va sottolineato anche questo aspetto, alla “Maison Milano”, voluta da Gandini, per festeggiare l’arrivo del 2022  e prepararsi all’appuntamento con l’atteso ritorno dei turisti, nel contempo presentando una ricca collezione di indirizzi e nuove aperture, tutti da scoprire.

Un momento di riconnessione con i partner, gli amici, i colleghi, coloro che hanno sempre seguito la capitale belga nella sua vocazione turistica sia essa di affari o leisure,

Bruxelles
Arte varia alla Maison Milano per festeggiare Bruxelles

«Dopo un anno di pausa forzata, è per noi una grande gioia tornare a festeggiare il Natale con un evento pubblico, un’occasione che scalda i cuori degli abitanti e dei visitatori – aggiunge Gandini – La formula del WInter Wonders è basata sul perfetto connubio fra tradizione e innovazione ed è pensata per offrire a tutti coloro che vi si recheranno un momento di condivisione unico, da vivere in totale sicurezza grazie al rigoroso protocollo, sviluppato in collaborazione con le autorità, per avere il via libera».

Al momento la scena è tutta dedicata ai 225 chalet di legno del Palais d’hiver, luogo ideale per originali idee regalo, addobbi natalizi, oggetti di artigianato, giocattoli e prodotti tipici, con un occhio di riguardo alla sostenibilità.
«C’è spazio per il commercio equo solidale e per la valorizzazione delle piccole realtà produttive locali – prosegue Gandini – Ma non manca, per valorizzare lo “stare all’aria aperta” lo street food, tra specialità tipiche del periodo natalizio provenienti da tutto il mondo e. Ma anche la tradzione belga a partire dalle praline e dalle gouffre ricoperte di cioccolata calda. Dopo il tramonto, 152 strade illuminate a festa e un’atmosfera ovattata contribuiscono a creare momenti magici che risvegliano i ricordi dell’infanzia».

Una delle novità salienti del prossimo futuro è il nuovo volto e la novella destinazione del Palazzo della Borsa a partire dal 2023.

Bruxelles
Place de la Bourse – visit.brussels – Eric Danhier – 2019

«Beurs Bourse assumerà una nuova veste, dopo aver ospitato per più di un secolo la sede del mercato azionario, oggi è oggetto di un intervento di ristrutturazione destinato ad aprire le porte al pubblico – spiega Guglielmo Pisana, segretario commerciale ad interim per la delegazione economica e commerciale della regione di Bruxelles presso l’Ambasciata del Belgio – dando un volto nuovo al centro storico della città e all’austero palazzo realizzato alla fine del XIX secolo, impreziosito dalle decorazioni eseguite da un giovane Rodin e. Osspiterà una galleria centrale, un ristorante, una brasserie, sale espositive, un centro congressi, e una terrazza con skybar panoramico».
Il secondo e il terzo piano saranno interamente dedicati al “Belgian Beer World”, centro espositivo permanente sulla cultura della birra belga che finalmente troverà spazio proprio sul luogo dove si dice sia sepolto il leggendario re della birra, Gambrinus. Dal piano terra si potrà infine accedere a “Bruxella 1238”, sito archeologico che custodisce i resti del monastero francescano sul quale è stato realizzato il palazzo.

Massimo Terracina

Giornalista dal 1987, si è sempre occupato di sport ('82-'98) e turismo (dal '92 ad oggi). Ha fatto esperienza sul campo lavorando in adv e to (gsa compagnia aerea) per poi passare alla stampa trade, consumer, online con anche esperienze televisive. La sua casa è il mondo e vorrebbe tornarci al più presto perché, questo, significherebbe la fine della pandemia.
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com