CITTÀ DEL MESSICO: MONUMENTO A LA REVOLUCION

CITTÀ DEL MESSICO: MONUMENTO A LA REVOLUCION
Condividi

A circa 67 metri di altezza, il Monumento a la Revolución (Monumento alla rivoluzione) è l’arco trionfale più alto del mondo. E mentre molte persone lo ammirano mentre esplorano il centro di Città del Messico, non tutti comprendono cosa sia accaduto all’interno di questo enorme monumento alla rivoluzione messicana.

Se le cose fossero andate come previsto, il Monumento a la Revolución non sarebbe mai stato costruito affatto, almeno non nella sua forma attuale. Quando la costruzione iniziò nel 1906, non fu per un monumento, ma piuttosto per il Palacio Legislativo federale (Palazzo legislativo federale). Questo grande palazzo avrebbe ospitato i vari corpi legislativi della Repubblica federale messicana, ma il progetto fu abbandonato nel 1912 a causa della rivoluzione messicana.

Per oltre due decenni, la massiccia struttura metallica che fungeva da nucleo dell’edificio incompiuto si ergeva arrugginita a Città del Messico. Fino a quando, l’architetto messicano Carlos Obregón Santacilia ha fatto una proposta interessante: avrebbe trasformato la struttura in un monumento agli eroi della rivoluzione messicana.

Santacilia usò la struttura a cupola esistente del palazzo come scheletro per il suo monumento e la plasmò con un’architettura monumentale che combinava lo stile Art Deco con lo stile del realismo socialista messicano. Così, la cupola stessa sembra molto simile ai disegni originali dell’edificio, ma si trova in cima a quattro massicci archi in pietra piuttosto che in cima a un palazzo. E con un’altezza totale di circa 67 metri, è l’arco trionfale più alto del mondo (il secondo più alto è l’Arco di Trionfo a Pyongyang).

Il Monumento a la Revolución, comprensibilmente, è ora uno dei monumenti più famosi di Città del Messico. Ma mentre migliaia di persone passano accanto ad esso e lo ammirano quotidianamente, non tutti sanno cosa ci sia dentro e sotto l’arco trionfale più alto del mondo.

Per cominciare, il monumento funge da mausoleo per alcune delle figure rivoluzionarie più famose della storia messicana moderna. Le tombe sono contenute all’interno delle basi di ciascuno dei quattro pilastri principali e comprendono i resti di Francisco I. Madero, Plutarco Elías Calles, Francisco “Pancho” Villa e Lázaro Cárdenas.

Quando il monumento è stato ampiamente rinnovato nel 2010, sono stati aggiunti altri elementi. Un ascensore di vetro che induce vertigine ora attraversa l’asse centrale del monumento, fino ad arrivare ad un ponte di osservazione all’interno della cupola. Un’intera sezione della struttura originale è stata volutamente lasciata esposta e ora è aperta al pubblico per brevi tour, consentendo ai visitatori di ammirare le enormi travi di acciaio e le capriate che tengono insieme il tutto.

Sotto il monumento si trova uno spazio espositivo e una galleria d’arte, così come il Museo Nazionale della Rivoluzione, che copre più di mezzo secolo di storia messicana dalla Costituzione del 1857 al governo post-rivoluzionario del 1920.

Il Monumento a la Revolución si trova in Plaza de la República, nel centro di Città del Messico, nel cuore di un triangolo dominato da tre strade principali: il Paseo de la Reforma, l’Avenida de los Insurgentes e l’Avenida Puente de Alvarado.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com