MESSICO: LE FAMOSE LUCI DELLA PIRAMIDE DI KUKULKAN A CHICH’EN ITZA

MESSICO: LE FAMOSE LUCI DELLA PIRAMIDE DI KUKULKAN A CHICH’EN ITZA
Condividi

Ad ogni equinozio la piramide Maya di Kukulkan mette in scena uno spettrale spettacolo di luci antiche

Un trasferimento di poco più di due ore da Cancun conduce nell’antica capitale dello Yucatán Maya, Chich’en Itza. Durante gli equinozi di primavera e autunno, è tradizione radunarsi intorno alla piramide per ricreare le feste di mille anni fa e per assistere alla “discesa di Kukulkan”. Un’atmosfera magica riempie il prato circostante con suoni di tamburi e musica tradizionale e festante.

Secondo la leggenda, due volte all’anno quando il giorno e la notte sono in equilibrio, questa piramide dedicata a Kukulkan, il dio serpente piumato, viene visitata dalla divinità. Durante l’equinozio, Kukulkan torna sulla terra per comunicare con i suoi adoratori, fornire la benedizione per un raccolto completo e augurare buona salute prima di entrare nell’acqua sacra, bagnarsi e continuare, attraversandola il suo cammino verso gli inferi.

Facendo un battito di mani vicino alla base della piramide si sentirà un insolito eco cinguettante, che si dice replichi il richiamo del sacro uccello quetzal.

Leggenda a parte, l’architettura astuta e matematicamente brillante combinata con la rotazione naturale della Terra crea un’immagine sorprendente e un po’ inquietante di un serpente gigante che striscia nel tempio. Per cinque ore un’illusione di luci e ombre crea sette triangoli sul lato della scala partendo dall’alto e scendendo lentamente fino a collegare la piattaforma superiore con la gigantesca testa di pietra del serpente piumato in basso. Per 45 minuti questa impressionante ombra rimane nella sua interezza prima di rallentare la discesa dalla piramide e scomparire insieme al chi si è giunto lì per vederla.

La Piramide di Kukulkan, conosciuta anche come El Castillo, un nome datole dai conquistatori spagnoli, è il centro di Chich’en Itza e fu costruita su un tempio preesistente tra l’800 e il 900 d.C. È la più grande piramide di Chich’en Itza; la sua base misura 53,3 metri di larghezza su tutti e quattro i lati. Si erge sopra gli altri monumenti alti 24 metri con un tempio di 6 metri in cima alla piattaforma più alta. Prima che l’accesso alla sala del trono della piramide fosse vietato, si poteva salire sulla sommità e, in una giornata limpida, vedere la cima della grande piramide nel vicino sito in rovina di Ek Balam.

Il fascino mesoamericano e la conoscenza della matematica e dell’astronomia sono molto evidenti quando si esaminano i dettagli della sua architettura. Ciascuno dei quattro lati ha 91 gradini, quinei 364 gradini in totale, con il tempio in cima alla piramide considerato un gradino aggiuntivo per un totale di 365. Ogni gradino rappresenta un giorno nel calendario. Inoltre, le nove fasi della piramide, divise in due da una scala su ciascun lato, rappresentano i diciotto mesi dell’anno del calendario Maya. La piramide è stata costruita per essere una rappresentazione fisica del Calendario Maya (lo stesso calendario che prevedeva la fine del mondo nel 2012), mentre si ritiene che il suo orientamento, leggermente a nord-est, sia stato calcolato per creare il fenomeno noto come la “discesa di Kukulkan”.

Questo fenomeno viene ricreato ogni notte (artificialmente) durante lo spettacolo di luci e suoni alle 19:00. in inverno e alle 20:00 in estate.

Chich’en Itza è una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo e patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il sito archeologico presenta varie strutture raggruppate in gruppi principali. Il gruppo più famoso e visitato è la Grande Piattaforma a Nord dove, oltre alla Piramide di Kukulkan, si trovano il Tempio dei Giaguari e il Grande Campo da ballo.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com