IL JARDIN MAJORELLE: IL GIARDINO BOTANICO PIU’ BELLO DEL MAROCCO

IL JARDIN MAJORELLE: IL GIARDINO BOTANICO PIU’ BELLO DEL MAROCCO
Condividi
Il Jardin Majorelle è un giardino paesaggistico botanico e artistico a Marrakech. Originariamente creato dall’artista francese Jacques Majorelle e successivamente restaurato da Yves Saint-Laurent, è uno dei giardini più belli del Marocco.Jacques Majorelle (1886-1962) era il figlio del famoso designer di mobili in stile liberty Louis Majorelle. Il francese era un uomo dai molti talenti e interessi, ma era meglio conosciuto come pittore orientalista. Fino a quando costruì il Jardin Majorelle, un lavoro d’amore di 40 anni in divenire, e per il quale è oggi più ampiamente riconosciuto.

Majorelle arrivò in Marocco nel 1917, prima a Casablanca e poi a Marrakech. Si innamorò della città colorata e nel 1923 acquistò un appezzamento di terreno vicino a un palmeto. Quando divenne più stabile, iniziò lentamente a sviluppare ed espandere la sua proprietà. Si costruì una casa in stile moresco e un edificio in stile berbero con un’alta torre di mattoni, che chiamò il Borj.

Il giardino divenne una passione costosa per Majorelle, un fatto che non nascose: “Questo giardino è un compito epocale, al quale mi dedico interamente. Mi ci vorranno gli ultimi anni e cadrò, esausto, sotto i suoi rami, dopo avergli dato tutto il mio amore. ”

Nel 1947, decise di aprirlo al pubblico per sostenere i costi di manutenzione. Non molto tempo dopo, le cose cominciarono ad andare storte per Jacques Majorelle. Divorziò da sua moglie, Andrée Longueville, nel 1956, che lo costrinse a dividere la proprietà. Poi subì un grave incidente automobilistico, che gli costò l’amputazione della gamba sinistra. Le operazioni svuotarono le sue finanze e fu costretto a vendere la sua parte della villa e dei giardini. Andò a Parigi per curarsi, ma lì morì per le complicazioni derivanti dalle sue ferite il 14 ottobre 1962.

Il Jardin Majorelle cadde in rovina durante questo periodo. Ma quattro anni dopo la morte di Jacques Majorelle, la speranza arrivò sotto la forma dello stilista francese Yves Saint-Laurent e del suo socio d’affari per tutta la vita Pierre Bergé. Scoprirono i Jardin Majorelle nel 1966 e se ne innamorarono all’istante. Nel 1980, quando sentirono che la proprietà sarebbe stata rasa al suolo e trasformata in un complesso alberghiero, acquistarono prontamente il Jardin Majorelle e si misero a restaurarlo.

Attenti a mantenere la visione originale di Jacques Majorelle, Saint-Laurent e Bergé sovrintendevano a un progetto di restauro che non solo ridava vita al giardino, ma lo espandeva. Furono installati sistemi di irrigazione automatici; fu creata una squadra di 20 giardinieri e il numero delle specie di piante fu aumentato da 135 a 300.

Yves Saint-Laurent morì nel 2008 e le sue ceneri furono disperse nel giardino delle rose al Jardin Majorelle. Due anni dopo, la strada di fronte al Jardin Majorelle fu ribattezzata Rue Yves Saint Laurent in suo onore. Nel 2010, la proprietà passò alla Fondazione Pierre Bergé – Yves Saint Laurent, un’organizzazione francese senza fini di lucro. Nel 2011, il Museo Berbero è stato inaugurato nel giardino, offrendo una ricca visione della creatività del popolo berbero, il più antico del Nord Africa.

 

Fonte: Atlas Obscura

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com