RABAT – LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO

RABAT – LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
Condividi

Rabat, la moderna capitale del Marocco, era un tempo un rifugio di pirati, che arrivarono al punto di fondare una propria repubblica

Rabat, la moderna capitale del Marocco, era un tempo un rifugio di pirati, che arrivarono al punto di fondare una propria repubblica

Una kasbah nella capitale del Marocco potrebbe non sembrare il più oscuro dei luoghi. Ma quello che molti non sanno è che molti anni fa Rabat era anche la capitale di una repubblica pirata, di breve durata.

MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO

Situata sulla costa atlantica alla foce del fiume Bou Regreg, la città di Rabat fu fondata nel 1146 come base militare dell’Impero Almohade. Il terzo califfo Almohade, Yaqub al-Mansur, costruì la kasbah, così come la Torre Hassan e le mura della città. Dopo la sua morte, l’impero iniziò a crollare e Rabat fu del tutto abbandonata.

Nel XVII secolo, la Spagna espulse un gran numero di Moriscos, o discendenti di musulmani costretti a convertirsi al cristianesimo. Alcuni di loro si recarono a Rabat e si stabilirono in città, e alcuni di quel gruppo si dedicarono alla pirateria e al commercio di schiavi, principalmente predando navi spagnole e offrendo un decimo del loro bottino al re del Marocco.

Alla fine, i corsari moreschi decisero di ribellarsi alla corona. Nel 1624, insieme ai Salé Rovers dal lato opposto del Bou Regreg, guidati dal pirata olandese Jan Janszoon, dichiararono Rabat uno Stato autonomo noto come Repubblica di Salé o Repubblica Corsara.

MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO

La repubblica durò 44 anni, fino a quando il sultano Al-Rashid della dinastia Alouita (che ancora oggi governa il Marocco) conquistò Rabat e Salé e le tenne sotto il suo controllo, unendo il regno. Ma questo non significa che si sia sbarazzato dei pirati; continuarono a utilizzare il porto di Rabat e rimasero attivi fino all’inizio del XIX secolo, ben dopo la fine dell’Età d’Oro della Pirateria.

La Kasbah degli Oudaïa era un importante centro della Repubblica di Salé. Nel corso degli anni, furono effettuati molti lavori di ristrutturazione, tra cui piattaforme, fortificazioni e una torre rotonda che domina il Bou Regreg, nota come Torre dei Corsari. Un padiglione reale fu costruito sotto il regno del sultano alouita Moulay Ismail, responsabile dell’insediamento della tribù araba degli Oudaïa a Rabat.

Oggi, la kasbah, insieme alla medina adiacente, è un’attrazione popolare a Rabat. Contiene una moschea, un grande museo (ospitato nel padiglione di Moulay Ismail), giardini andalusi e un quartiere residenziale, noto per le sue splendide pareti blu e bianche. Nel 2012 le è stato concesso lo status di Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO
MAROCCO - LA KASBAH DI OUDAIA SVETTA DI FRONTE ALL’OCEANO

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com