MAROCCO – L’ICONICA JEMAA EL-FNA A MARRAKECH

MAROCCO – L’ICONICA JEMAA EL-FNA A MARRAKECH

Chiromanti, incantatori di serpenti, poeti e narratori si radunano in questa storica piazza del Marocco

Da mille anni Jemaa el-Fna è un luogo di ritrovo e un mercato nel cuore di Marrakech. Chiromanti, incantatori di serpenti, poeti e narratori arrivano per intrattenere la folla, contribuendo a creare un’atmosfera inebriante la cui importanza culturale ha ispirato l’UNESCO a creare i suoi “Capolavori del patrimonio orale e immateriale dell’umanità”.

Jemaa el-Fna risale alla fondazione di Marrakech da parte degli Almoravidi nel 1062 e in seguito crebbe in importanza quando gli Almohadi presero la città nel 1147, rinnovando la piazza e la città circostante. Per quasi mille anni, la piazza ha funzionato come un mercato e un luogo di ritrovo nel cuore della città, dove una volta i sovrani tenevano le decapitazioni pubbliche per mantenere in linea i loro sudditi.

Oggi, la piazza rappresenta lo specchio della vita a Marrakech: gente del posto di diversa estrazione sociale ed etnica e turisti da tutto il mondo. Al mattino, i proprietari delle bancarelle allestiscono i loro stand vendendo succo d’arancia, spezie, medicine tradizionali, foglie di menta e lumache. I flauti degli incantatori di serpenti si spostano attraverso la piazza, gli addestratori di scimmie intrattengono la folla e gli estrattori preparano le pinze per strappare i denti doloranti dei passanti.

Una volta che il sole tramonta, Jemaa el-Fna si anima davvero. I ristoranti intorno alla piazza iniziano a servire i clienti affamati mentre passeggiano nella zona. Musicisti berberi e ballerini di Gnaoua iniziano le loro esibizioni notturne, acrobati e comici iniziano a esibirsi in tutta la piazza, gli artisti del tatuaggio all’henné si contendono i clienti come narratori e i poeti trasmettono le tradizioni orali del Marocco.

La posizione di Jemaa el-Fna come importante luogo di scambio culturale e patrimonio artistico è stata l’ispirazione per il “Proclamation of Masterpieces of the Oral and Intangible Heritage of Humanity” dell’UNESCO nel 2001. Quando le persone del posto e le altre parti interessate hanno iniziato a combattere per proteggere le tradizioni della piazza di fronte alle crescenti pressioni sullo sviluppo economico, l’UNESCO è salito a bordo. Jemaa el-Fna divenne il primo posto per ottenere lo status di Masterpieces, contribuendo a promuovere e a salvaguardare le sue tradizioni.

Durante il convegno di apertura della nuova iniziativa UNESCO, il poeta e romanziere spagnolo Juan Goytisolo ha sottolineato le qualità della piazza storica: “Lo spettacolo di Jemaa el Fna si ripete ogni giorno e ogni giorno è diverso. Tutto cambia: voci, suoni, gesti, il pubblico che vede, ascolta, odora, assaggia, tocca. La tradizione orale è incorniciata da un’atmosfera che si può definire immateriale. La piazza, come spazio fisico, ospita una ricca tradizione orale e immateriale”.

Jemaa el-Fna si trova nel quartiere della medina di Marrakech. La piazza è aperta tutti i giorni e si anima di solito intorno alle 8 del mattino fino almeno a mezzanotte.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com