Il Centre Pompidou annuncia l’apertura di una Fabbrica dell’arte nella periferia di Parigi

Il Centre Pompidou annuncia l’apertura di una Fabbrica dell’arte nella periferia di Parigi
Condividi

IL NUOVO POLO ARTISTICO, PREVISTO PER IL 2025, SORGERÀ A MASSY – POCO FUORI DALLA CAPITALE FRANCESE – IN UNO SPAZIO DI OLTRE 22MILA METRI QUADRATI. IL COSTO COMPLESSIVO SI AGGIRA ATTORNO AI 50 MILIONI DI EURO

È ora in cantiere un nuovo polo artistico e culturale firmato Centre Pompidou. L’annuncio è stato dato dal museo parigino dopo aver siglato un accordo con il Ministero della Cultura, la Région Île-de-France, il Dipartimento dell’Essonne, la Comunità Paris-Saclay e il comune di Massy. La nuova sede, la cui apertura è prevista per il 2025, sorgerà in uno spazio di oltre 22mila metri quadrati nel comune di Massy, a circa 45 minuti in auto dalla capitale. Il progetto fa parte di un piano di espansione che concepisce il prestito e la collaborazione con soggetti internazionali come un elemento imprescindibile dell’attività museale. Il Centre Pompidou ha aperto negli ultimi anni avamposti a Bruxelles e Metz, in Francia, mentre è attesa l’inaugurazione dello spazio a Shanghai.

IL NUOVO POLO DEL CENTRE POMPIDOU

Con questa nuova Fabbrica dell’Arte si apre una linea di comunicazione importante tra il cuore storico di Parigi e il territorio circostante dell’Île-de-France. La nuova sede sarà pensata come un’istituzione artistica dinamica dalla doppia azione: polo di eccellenza per la conservazione e il restauro delle opere presenti nella collezione della “casa madre” e centro di diffusione culturale mirata a dialogare con le comunità locali, tramite una programmazione interdisciplinare. Al suo interno ospiterà mostre, workshop, proiezioni e spettacoli con il coinvolgimento di scuole, università, associazioni locali e culturali. I principi che guideranno la sua attività sono stati riassunti in un elenco di sette punti, in cui rientrano “arte come luogo da vivere”, promuovendo la familiarità e un rapporto quotidiano con il centro; “arte più vicina”, poiché questo progetto permetterà, anche a chi non può spostarsi facilmente, di avere a disposizione le opere del Centre Pompidou a poca distanza da casa; “arte al plurale”, per puntare sulla multidisciplinarietà delle iniziative; “arte e scienza”, per espandere ancora di più i confini della ricerca; e “arte al plurale”, all’insegna dell’incontro e della collaborazione.

IL NUOVO POLO DEL CENTRE POMPIDOU: LA COLLEZIONE

Oltre ad occuparsi del restauro e della conservazione delle opere provenienti da musei esterni, il polo culturale del Pompidou a Massy disporrà anche di una propria collezione: come punto di partenza, ci saranno 5mila pezzi provenienti dai depositi del Musée National Picasso-Paris. Con la prospettiva di arricchire in futuro il proprio nucleo espositivo, sono previsti anche spazi aggiuntivi da utilizzare in caso di ampliamento; il tutto gestito con la collaborazione della vicina Università Paris-Saclay, la quale metterà a disposizione il know-how dei suoi docenti e coinvolgerà gli studenti per introdurli professionalmente alle diverse mansioni museali.

Fonte: Atribune.com – Giulia Ronchi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com