MAROCCO – LE FAVOLOSE TOMBE SAADIANE DI MARRAKECH

MAROCCO – LE FAVOLOSE TOMBE SAADIANE DI MARRAKECH
Condividi

Deliberatamente nascoste per secoli, le magnifiche tombe Saadiane furono scoperte nel 1917.
Le tombe Saadiane sono una serie di sepolcri e mausolei a Marrakech che ospitano i resti di importanti personaggi della dinastia Saadi, che governò il Marocco dal 1549 al 1659.

Poco dopo la caduta della dinastia, le tombe furono sigillate e nascoste, solo per essere riscoperte nel 1917.

La necropoli reale su cui furono costruite le Tombe Saadiane fu probabilmente in uso dall’inizio del XIV secolo. Ma fu durante il regno di Ahmed el-Mansour, il Sultano Saadi dal 1578 al 1603, che le tombe raggiunsero uno status ben più prominente e sontuoso.

Il padre di Ahmed el-Mansour, Mohammed ash-Sheikh, fu sepolto nel sito dopo il suo omicidio avvenuto nel 1557. Non molto tempo dopo, Ahmed el-Mansour iniziò ad ampliare e abbellire l’intera zona di sepoltura, compresa la costruzione di due magnifici mausolei destinati a suo padre, sua madre, i suoi discendenti e, naturalmente, a sé stesso.

Il suo mausoleo, la Sala delle Dodici Colonne, fu costruito in marmo italiano di Carrara importato, con muqarnas dorati a nido d’ape, un tipo di volta ornata, decorata con oro. Condivide il suo mausoleo con alcuni dei suoi familiari e discendenti più stretti, tra cui la principessa Zorha, la cui tomba reca l’epitaffio, “Ecco la tomba della nobile signora, luna nuova, meraviglia delle virtù”.

Tra i due mausolei e attraverso i giardini si trovano molte altre tombe, tra cui una camera di spicco per la madre di Ahmed el-Mansour, Lalla Messaouda, che fu sepolta nel 1591. In totale, nelle Tombe Saadiane si trovano anche 66 principi e altre figure di spicco come più di 100 cancellieri e mogli, ognuno che riposa più vicino al mausoleo del Sultano a seconda del suo stato. Questi includono le tombe di numerosi consiglieri ebrei di fiducia, alcuni dei quali, a giudicare dalla loro posizione, erano molto apprezzati dal Sultano.

L’esistenza stessa delle Tombe Saadiane è stata messa in dubbio con la fine della dinastia Saadi. Meno di due decenni dopo la fine del dominio saadiano, arrivò un uomo che merita certamente una breve digressione. Quest’uomo era Moulay Ismail ibn Sharif, il secondo sovrano della dinastia marocchina alawita, che regnò dal 1672 al 1727.

Moulay Ismail, noto in vari modi come “Re Guerriero” e “Assetato di sangue”, aveva una propensione ad adornare le mura della sua città con i capi delle sue vittime, che ammontavano a circa 30.000 durante il suo dominio. Aveva anche una passione per le concubine, che ammontavano a circa 2.000, e più mogli (tra cui, per inciso, una donna irlandese di nome Mrs. Shaw). Tra tortura dei lavoratori e decapitazione dei servitori, è riuscito a generare 867 bambini (525 figli e 342 figlie), un risultato riconosciuto da Guinness World Records.

Quando salì al potere, Moulay Ismail voleva cancellare tutte le prove della magnifica dinastia Saadi. Iniziò a distruggere e spogliare molti dei più grandi edifici della dinastia, incluso il Palazzo El Badi. Ma quando arrivò alle Tombe Saadiane, mostrò una sorprendente moderazione, temendo di commettere un sacrilegio distruggendo un cimitero. Invece, costruì un muro attorno alle tombe, lasciando solo un piccolo passaggio dalla vicina moschea Kasbah.

Successivamente, le Tombe Saadiane rimasero intatte e trascurate per più di due secoli, i mausolei attirarono poco più di erbacce, gatti randagi e cicogne. Poi, nel 1917, un‘indagine fotografica aerea francese avvistò le rovine. Le tombe furono prontamente scoperte e restaurate e presto si aprirono al pubblico in tutto il loro antico splendore.

Le tombe Saadiane si trovano lungo Rue de la Kasbah vicino alla Moschea Kasbah e non lontano dalle rovine del Palazzo El Badi.

Fonte: atlasobscura.com

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com