LA NUOVA LINEA FRANCESE, IL RILANCIO LEISURE DI INTERCITY E REGIONALI: TRENITALIA CAVALCA IL POST COVID

Condividi

C’è grande fermento in Trenitalia, che procede con forza sul percorso di internazionalizzazione mentre cavalca le nuove tendenze, contando ora più che mai sulle agenzie di viaggi: tutto in questa chiacchierata informale a tre voci (di spessore) raccolta nel brusio animato di TTG.

È al via un nuovo collegamento con la Francia. Lo anticipa Pietro Diamantini, direttore della Divisione Business AV: “Partirà a fine anno, sarà un collegamento importante – annuncia – per Trenitalia ma anche per il Paese e per l’Europa, questa grande famiglia di cui facciamo parte, e che si sta rapidamente riprendendo.

Nasce in questi giorni anche la nuova unità di business, la quarta, che coordinerà l’offerta internazionale di Trenitalia. “Stiamo crescendo sul grande mercato – spiega Diamantini – la nostra controllata spagnola è impegnata nell’alta velocità, in Gran Bretagna operiamo alcuni servizi regionali e faremo alta velocità. Abbiamo collegamenti con Svizzera e Austria, una controllata in Germania e faremo presto l’alta velocità in Grecia”. Anche per questo le agenzie restano al centro della strategia distributiva. “Sono determinanti – conferma Diamantini – per la presenza capillare sul territorio e per la professionalità, indispensabili per diffondere il nostro messaggio di fiducia e affidabilità”.

Rinasce l’Intercity, con le bici a bordo. “Stiamo investendo sulla qualità del prodotto e del materiale rotabile – dice Domenico Scida, direttore Business Unit IC – contiamo per questo anche sul nuovo contratto di servizio. Entro fine anno avremo su tutti i treni le vending-machine per food & beverage, e tutti gli Intercity imbarcheranno le biciclette». L’Intercity è il treno di media-lunga percorrenza che collega i capoluoghi di provincia con le maggiori città. “Serve il pendolarismo ma questa estate è cresciuto molto nel leisure – spiega Scida – con forte domanda sulla linea adriatica, per il Sud e la Sicilia. Il mercato è in ripresa, siamo già al 70% dei volumi pre-covid”. È tecnicamente il vero servizio pubblico di Trenitalia, regolato da apposito contratto con il Ministero dei Trasporti.

Ma per il nuovo turismo di prossimità il vero protagonista adesso è il  Regionale di Trenitalia. Come annuncia un’entusiasta Sabrina De Filippis, direttrice Divisione Passeggeri Regionale, protagonista di un vero e proprio decollo in agenzia: “Quest’anno con un balzo nelle vendite dal 3 a oltre il 12% del nostro mix”. Perché intorno al suo Regionale Trenitalia sta creando una vera nuova linea di prodotto leisure, che De Filippis vuole proporre al turismo organizzato nazionale ma anche internazionale: “Abbiamo fatto molti incontri e fidelizzazione per il trade, e i risultati si vedono”. I plus per un prodotto di valore ci sono tutti: oltre la metà dei 6.900 collegamenti giornalieri viaggiano con i nuovi treni Rock e Pop, con posto per bici e monopattini e con le prese elettriche; la rete collega il meglio dell’Italia dai parchi naturali alle città d’arte; il pricing sempre più tailor made invita famiglie, gruppi di amici, coppie; le partnership con i trasportatori locali raggiungono molti borghi di pregio, Taormina  l’ultimo successo di una serie. Il Regionale è accompagnato dai Travel Book di Trenitalia – in arrivo quello sul turismo di fede – e ora dalle guide regionali realizzate con Giunti, quattro già uscite altre due in cantiere. “Così questa estate il traffico sul Regionale è cresciuto anche del 30% su un 2020  già brillante. Il nostro sogno è vedere i tour operator impegnati con noi. Intanto studiamo, studiamo tanto per capire cosa vuole davvero questa nuova domanda”.

Paola Paciotti

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com